Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Porsche Panamera sarà elettrica come Taycan

Porsche si sta preparando a introdurre la seconda generazione della Porsche Taycan, un veicolo che ha riscosso un enorme successo, che sarà “gemellato” con una versione elettrica della Porsche Panamera, nell’ambito dei piani che prevedono l’introduzione di sei modelli elettrici entro la fine di questo decennio. Entrambi i nuovi veicoli elettrici saranno basati su una versione sportiva della Scalable Systems Platform (SSP) del Gruppo Volkswagen, sviluppata da Porsche.

Tra gli sviluppi architettonici chiave che Porsche sta spingendo per la nuova piattaforma SSP Sport c’è un pavimento dell’abitacolo basso, grazie a un pacco batterie sottile, e una disposizione della seduta posteriore simile a quella della piattaforma J1 utilizzata dall’attuale Taycan. Elementi che Porsche ha descritto come fondamentali per dotare la Panamera elettrica di un packaging paragonabile a quello della Panamera attuale e di un baricentro basso per ottimizzare la dinamica di guida.

Panamera e Taycan elettriche, cosa possiamo attenderci?

Stando a quanto riporta un articolo di Autocar, la Panamera elettrica sarà venduta insieme agli attuali modelli di Panamera con motore a combustione e ibrido plug-in, basati sulla piattaforma MSB di Porsche. L’ingegneria della Panamera elettrica è gemellata con quella della nuova Taycan, in uscita nel 2027. Ancora in fase di sviluppo, la Panamera EV dovrebbe avere un passo e una lunghezza complessiva simili a quelli dell’attuale Panamera a passo lungo venduta in Cina (cioè 3100 mm e 5199 mm), ponendola così in diretta concorrenza con vetture del calibro della Mercedes-AMG EQS 53 e della Lucid Air in termini di dimensioni.

LEGGI ANCHE

A titolo di paragone, l’attuale Taycan ha un passo di 2900 mm e una lunghezza di 4963 mm; il modello successivo sarà probabilmente simile, quindi i due modelli si differenzieranno per le dimensioni.

Sebbene la Panamera elettrica e la Taycan di seconda generazione saranno basate sulla piattaforma SSP Sport, i nuovi SUV elettrici Porsche Macan e Porsche Cayenne utilizzeranno la Premium Platform Electric (PPE), che Porsche sta sviluppando con Audi.

La prima auto basata sulla piattaforma SSP Sport, tuttavia, sarà la settima linea di modelli Porsche recentemente annunciata: un SUV di oltre cinque metri e sette posti che è stato confermato debutterà “intorno alla metà del decennio”. Il suo nome in codice è K1, e la produzione è prevista nello stabilimento Porsche di Lipsia, in Germania.

Tutte le novità in arrivo

La Panamera EV offrirà la possibilità di scegliere tra una trasmissione a uno o due motori e disporrà di una batteria da 800 V ulteriormente sviluppata, con una tecnologia delle celle più efficiente dal punto di vista energetico e un anodo a più alto contenuto di silicio rispetto a quello utilizzato oggi da Porsche.

I due nuovi modelli elettrici di Porsche condivideranno componenti chiave della struttura, della trasmissione e del telaio, nonché un’architettura elettrica di nuova concezione, progettata per supportare funzionalità di guida autonoma di terzo livello, funzionalità digitali abilitate al 5G e un sistema operativo sviluppato in collaborazione con la divisione software Cariad della casa madre di Porsche, il Gruppo Volkswagen.

La Panamera elettrica sarà venduta insieme a una versione aggiornata dell’attuale modello di seconda generazione, che sarà lanciata nel 2023. Secondo fonti Porsche, la produzione è prevista fino al 2030 con un ciclo di modelli esteso, offrendo ai clienti la scelta tra alimentazione tradizionale ICE, ibrida plug-in o elettrica, a seconda del mercato e del quadro normativo.

Come per l’attuale Taycan, Porsche dovrebbe lanciare una gamma completa di varianti elettriche della Panamera, con una Panamera e una S a motore singolo e trazione posteriore, oltre a 4S, GTS, Turbo e Turbo S a doppio motore e trazione integrale.

Fonte: targetmotori.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *