Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Porsche Macan 2021: test drive, interni, motori, prezzi – Quattroruote.it

Mani sul volante. Decido di partire per gradi e mi metto al volante della Macan base, anche perché non avevo mai avuto modo di provare questa Porsche con il 2 litri turbo. Giro la chiave d’accensione e fatico ad avvertire il suono del 4 cilindri, tant’è silenzioso. Ma prima di mettere in D il Pdk a 7 marce (unico cambio per tutte) do un’occhiata in giro: la nuova console centrale si presenta bene, la superficie nera laccata con tasti a sfioramento rende l’insieme più pulito e ordinato. Ammetto di non essere un grande sostenitore dei pulsanti touch, perché non restituiscono un feedback accurato quanto quello dei tasti fisici, ma in questo senso Porsche ha fatto un buon lavoro: c’è il feedback aptico, perciò dito e udito percepiscono un responso, e per gestire la climatizzazione hanno lasciato due levette, che ben si integrano nell’insieme e con cui puoi agire a colpo sicuro. Impugno il volante, lo stesso che dalla 911 in poi adottano tutti i modelli più recenti, e ci sono una buona notizia e una cattiva: quella buona è che il volante è bello da vedere e pratico da usare, con il pomello che consente di passare da una modalità di guida all’altra con grande rapidità; quella cattiva è che, curiosamente, c’è pochissimo spazio per le dita fra i paddle e i devioluci e deviotergi; se si intende usare il cambio manualmente, c’è il rischio di azionarli senza volere.

Prestazioni soddisfacenti. Detto della silenziosità del 4 cilindri 2 litri, che ha guadagnato 20 cavalli, 30 Nm e una ripulita generale (pressione di iniezione aumentata a 350 bar, distribuzione rivista, pistoni con nuove fasce elastiche), questo turbobenzina sposta con dignità la Macan. L’erogazione è lineare, spinge bene sotto e allunga con una certa disinvoltura, senza sconfinare nella sportività pura. I numeri lo confermano (232 km/h, 0-100 in 6,2 secondi) e il rendimento generale, per chi fosse spaventato dalle dimensioni relativamente piccole del motore, è soddisfacente.

Fonte: quattroruote.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *