Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Poliziotti pestati sul treno a Bologna, due arresti

Bologna, 30 luglio 2022 – L’ispettore della Polfer è intervenuto per evitare che il giovane straniero si autolesionasse con un coltellino. Ed è stato pestato. Quindici giorni di prognosi, punti in testa e due costole rotte: questo l’esito dell’intervento, la scorsa notte, su un treno regionale. L’aggressione al poliziotto è avvenuta intorno a mezzanotte.

Agenti della Polfer aggrediti sul treno a Bologna
Agenti della Polfer aggrediti sul treno a Bologna

L’agente era intervenuto su segnalazione del capotreno, che aveva notato due giovani marocchini in stato semicomatoso sui sedili e aveva avvertito il 118 per aiutarli. All’arrivo dei sanitari e della polizia, però, uno dei due si è ripreso e, tirato fuori un coltellino, ha iniziato a tagliarsi. L’ispettore ha tentato di disarmarlo per evitare si facesse male.

E allora lui l’ha colpito con ferocia, causandogli una brutta ferita alla testa. Anche l’altro agente, intervenuto per aiutare il collega, è stato picchiato, riportando 7 giorni di prognosi. Alla fine, con l’ausilio dei colleghi delle volanti, la coppia di balordi, di 23 e 26 anni, è stata arrestata, per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

​La condanna del sindacato di polizia

“Sembrava un banale intervento si è tramutato ancora una volta in una violenta aggressione a danno di donne e uomini in divisa – ha commentato il segretario provinciale del Siulp, il Sindacato unitario lavoratori di polizia, Amedeo Landino – nell’esprimere la nostra più viva solidarietà e gli auguri di pronta guarigione al collega ferito, ribadiamo con forza che la violenza va condannata senza se e senza ma e che dovrebbe essere applicata una sanzione certa e severa quando si aggrediscono uomini e donne in divisa al servizio dei cittadini. Purtroppo da qualche tempo i treni sono diventati campi di battaglia, ciò è dimostrato dalle continue aggressioni al personale di bordo ed agli stessi poliziotti della Polfer durante gli interventi. Ecco perché, come Siulp, chiediamo con forza più strumenti come giubbetti sottocamicia e il teaser e anche norme adeguate proprio per fare fronte a questa deriva”.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *