Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Playoff NBA: Giannis Antetokounmpo è troppo forte (42 punti), Milwaukee vince gara-3

MILWAUKEE BUCKS-BOSTON CELTICS 103-101 (IL TABELLINO)

Il racconto del primo tempo tra Milwaukee Bucks e Boston Celtics

Tatum, Horford, Grant Williams: cambia l’accoppiamento in avvio, la velocità d’esecuzione, ma la capacità di Giannis Antetokounmpo di attaccare il ferro permette al n°34 greco di iniziare con piglio diverso la gara: 7 punti con 3/5 al tiro è la peggior notizia che potesse accogliere i Celtics nella loro trasferta a Milwaukee. La sfida resta in equilibrio nel primo quarto: 16-13 il punteggio dopo quasi otto minuti di gioco. Pensare di piegare Boston però è missione che richiede ben altro: nonostante il 32% al tiro dei Celtics e il misero 1/7 dall’arco, gli ospiti chiudono sul -3 al primo intervallo del match: 22-19 per Milwaukee dopo 12 minuti.

Il copione del secondo quarto è lo stesso del primo, anche se il potenziale turning point del match arriva grazie a un canestro in transizione di Jayson Tatum – impreciso dal campo – volato a schiacciare nonostante il tentativo di stoppata di Giannis Antetokounmpo, che (senza commettere fallo flagrant) lo travolge e lo costringe a crollare alla case del canestro. Una partita fisica, combattuta sotto canestro, piena di scontri e di folata al ferro del n°34 greco. Inizia a lievitare anche il conto dei giocatori in doppia cifra, a un Giannis Antetokounmpo da 18 punti si aggiunge un Brook Lopez da 11 con un efficace 4/6 al tiro, mentre in casa Celtics il primo a sfondare quota 10 è Jaylen Brown. A furia di guardare le modeste percentuali Celtics da campo, si rischia di dimenticare quelle dei Bucks – che tirano 3/18 dall’arco nel primo tempo. Boston invece fa 4/18, con l’ultima tripla che arriva allo scadere grazie a Grant Williams e vale il +4: 50-46 in favore dei Celtics a metà gara.

Il racconto del secondo tempo tra Milwaukee Bucks e Boston Celtics

vedi anche Tutte le partite NBA su Sky: la programmazione

L’unico modo per limitare una vera e propria forza della natura come Giannis è quella di mettere dei corpi sulla sua strada, degli ostacoli per provare a complicare il suo approdo al ferro: missione che riesce meno ai Celtics in avvio di ripresa, in un match combattuto e in equilibrio dopo 25 minuti di gioco. All’ennesima scorribanda in transizione, Grant Williams colpisce duro Giannis in transizione senza ricevere sanzione aggiuntiva al fallo normale. Le 5 palle perse in 5 minuti pesano per Boston, che scivola sul -8; massimo svantaggio nel match dopo 30 minuti. La doppia cifra di vantaggio è dietro l’angolo: Milwaukee allunga le mani sulla partita. Partita complicata invece per Tatum: soltanto sei punti con 2/13 al tiro. Si conclude così il primo quarto della serie di Milwaukee da 30+ punti: 32-17 il parziale Bucks, con Jrue Holiday dominatore (21 punti) e i padroni di casa che chiudono sul 80-67 a 12 minuti dal termine.

Ultimo quarto e basta un 5-0 di parziale Boston per rimettere tutto in discussione: 11 minuti alla fine, 80-72. Ma quando Antetokounmpo manda a bersaglio anche la tripla, il conto personale del greco sale a 34 punti e per i Celtics continua a essere complicato ritornare in corsa. Poi però arriva il 9-2 di parziale per gli ospiti e il match è di nuovo sul -5, con i Bucks costretti a vincerla di nuovo a 7 minuti e mezzo dalla sirena. Sale il livello di intensità e di lotta sotto canestro in un match avvincente e di nuovo in equilibrio a sei minuti dal termine. Al Horford firma 12 punti nel solo quarto periodo e a 3 minuti e mezzo dalla fine si conclude il 20-9 di parziale che riporta Boston sul -1. Un finale mozzafiato, con i Celtics avanti sul 100-99 a 50 secondi dalla conclusione. Prima Giannis, poi Holiday firmano il 4-0 di parziale che porta sul +3 i Bucks: 11.2 secondi ancora da giocare. Marcus Smart prova invano il tap-in per forzare l’overtime e condanna i Celtics al ko.

Fonte: sport.sky.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *