Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Pioggia e freddo sul Giro, cambia la 19ª tappa: percorso intorno ai 120 km, da Abbiategrasso ad Asti

Il meteo sfavorevole (pioggia battente) ha portato alla protesta dei corridori, accorciata la frazione odierna. In corso il trasferimento in bus, la partenza dovrebbe essere alle 14.30

Ore 13.53

—  

Gli autobus delle squadre sono attesi ad Abbiategrasso, nel piazzale di una fabbrica dismessa di televisori, la Mivar. Questo spazio è abbastanza grande da contenere tutti i mezzi dei team. Da qui i corridori si muoveranno verso il km 0. Per arrivare in tempo al traguardo, i bus, scortati dalla polizia, faranno scendere i corridori nel piazzale e li anticiperanno ad Asti.

Ore 13.50 – Il direttore di corsa

—  

Queste le parole di Stefano Allocchio, direttore di corsa: “Stiamo gestendo una situazione straordinaria, riusciremo a portare a termine la tappa. Abbiamo deciso di accontentare i corridori, anche se non condividiamo la loro richiesta”.

Ore 13.05 – Abbiategrasso

—  

Nel ritrovo dei bus di Abbiategrasso si attende l’arrivo delle squadre. Probabile un ulteriore slittamento dell’orario di partenza.

Ore 12.54 – Traguardo volante

—  

Dovrebbero essere circa 120 i chilometri che il gruppo affronterà da Abbiategrasso ad Asti. Il primo traguardo volante (Vigevano) arriverà dopo 10 km dal via.

Ore 12.46 – La partenza

—  

La corsa partirà da Abbiategrasso. In questo modo tutti i traguardi volanti da Abbiategrasso ad Asti resteranno validi.

Ore 12.41 – Nota del CPA

—  

Nota del CPA, il sindacato mondiale del corridori: “Grazie alla giuria e agli organizzatori del Giro d’Italia per aver ascoltato le nostre richieste. La salute è la priorità, specialmente in questo periodo segnato dal Covid. La riduzione della tappa di oggi non limiterà lo spettacolo, ma consentirà alle difese immunitarie dei corridori di non correre rischi più grandi”.

Ore 12.15 – Continui cambiamenti

—  

Sono momenti frenetici dal punto di vista logistico in un contesto già reso complicato dall’emergenza sanitaria. Probabile che l’orario di avvio venga spostato ulteriormente, dalle 13.30 in avanti.

Ore 12.06 – Percorso tagliato

—  

Carovana in viaggio verso Milano. Pioggia intensa, 13 gradi sul percorso tagliato per la protesta dei corridori.

Ore 11.48 – Nota RCS

—  

Nota ufficiale di RCS Sport: “La tappa, viste le condizioni atmosferiche, è stata neutralizzata al km 8. Seguiranno aggiornamenti per la precisa ripartenza della corsa”.

Ore 11.35 – Tasferimento

—  

Considerato il tempo necessario per trasferire le squadre da Morbegno, non è ancora sicuro dove avverrà la partenza della 19esima tappa. Possibile un nuovo spostamento per fare in modo di arrivare nei tempi previsti ad Asti, dov’è posto il traguardo. L’organizzazione e la giuria stanno valutando in questi minuti.

NUOVA PARTENZA

—  

La colonna dei bus è partita intorno alle 11.20 da Morbegno per spostarsi verso la nuova partenza.

Il meteo

—  

Il programma della 19esima tappa, originariamente prevista di 258 chilometri da Morbegno ad Asti, cambia. Il meteo sfavorevole (pioggia battente) ha condotto alla protesta di alcuni corridori.

Nella 18esima tappa del Giro d’Italia Almeida ha ceduto di schianto, Kelderman ha conquistato la maglia rosa ma si dovrà guardare dal vincitore ai Laghi di Cancano, il suo compagno di squadra Hindley, secondo in classifica generale a 12″, e da Geoghegan Hart, terzo a 15″. Nella 19esima tappa ultima occasione per i velocisti, favorito Arnaud Démare, dominatore degli sprint nell’edizione numero 103 della corsa rosa.

Il percorso

—  

La tappa, almeno per come era stata concepita, era adatta ai velocisti ma non completamente piatta, originariamente prevista sui 258 km, la più lunga dell’edizione numero 103 della corsa rosa. Da Morbegno si sarebbe seguito il lato nord della valle fino all’imbocco del lago di Como, da Como la corsa avrebbe attraversato tutta la pianura Padana fino a raggiungere Casale Monferrato. Unica piccola asperità prevista, l’ascesa all’Abbazia di Masio prima degli ultimi chilometri pianeggianti.

I big

—  

La maglia rosa Wilco Kelderman (Sunweb) ha un vantaggio di 12″ sul compagno di squadra Jai Hindley e 15″ su Tao Geoghegan Hart (Ineos). Il primo degli italiani è Vincenzo Nibali, ottavo a 5’47”.

Riscopri i personaggi e le tappe epiche della Corsa Rosa con le prime pagine storiche della Gazzetta dello Sport.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *