Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Picchiato per una sigaretta, denunciati gli aggressori di piazza Ariostea | estense.com Ferrara

A poco più di una settimana dal fatto, la Squadra mobile ha individuato e denunciato quattro giovani – due quattordicenni e due diciannovenni – per la violenta aggressione ai danni di un ragazzo di 16 anni avvenuta in piazza Ariostea nella notte tra il 6 e il 7 novembre.

La ricostruzione degli investigatori ridimensiona il numero dei partecipanti all’aggressione, ma non rende meno gravi i fatti a partire dalla loro origine: la lite, infatti, sembra sia scoppiata per la richiesta di una sigaretta.

Uno scambio di battute tra i due protagonisti iniziali ha accesso la miccia. Sono partiti gli spintoni, poi le urla e le manate. Gli amici del primo aggressore a quel punto si sono staccati dalla compagnia più ampia, costituita effettivamente da circa trenta persone, per picchiare il ragazzo che è stato colpito con calci e pugni. La vittima ha cercato di fuggire passando da via Fossato di Mortara, dove però è stato da raggiunto da uno dei quattro che gli ha dato gli ultimi calci.

La vicenda accaduta nella notte tra sabato e domenica è stata denunciata dalla vittima e dai genitori solo nella giornata del martedì successivo. Ma la notizia era già stata diffusa primariamente dalla madre tramite un post su Facebook.

Da quel momento i poliziotti hanno setacciato piazza Ariostea e le vie limitrofe alla ricerca di telecamere utili che non hanno fornito elementi utili per le indagini. Nei giorni seguenti sono stati effettuati diversi controlli per identificare giovani e giovanissimi che frequentano le zone della movida ferrarese.

In questo contesto, nella serata di lunedì, è stato denunciato un quindicenne sorpreso con un coltello infilato nella cintura dei pantaloni mentre si trovava in corso Porta Reno, risultato però estraneo ai fatti di piazza Ariostea.

Le dichiarazioni dei testimoni della lite hanno consentito agli inquirenti di ricostruire la vicenda e d’identificare tutti e quattro gli aggressori: i due maggiorenni sono stati denunciati alla procura di Ferrara, gli altri due a quella presso il tribunale per i minorenni di Bologna.

Per tutti e quattro la Questura emetterà un provvedimento di divieto di avvicinamento ai luoghi della movida, noto come “Daspo Willy”, la cui violazione è punita con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da 8.000 a 20.000 euro.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *