Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Perché l’acqua filtrata è una opzione da considerare

(Adnkronos) –
Milano, 05/09/2022 – Per gli italiani, bere acqua in bottiglie di plastica è diventato uno stile di vita. Basti pensare che, secondo uno studio effettuato nel 2018 dal Censis, nel Belpaese consumiamo ogni anno circa 192 bottiglie d’acqua a testa. Si tratta di un record europeo, che porta con sé un enorme spreco: tutta la plastica che accumuliamo va a produrre qualcosa come 250mila tonnellate di rifiuti. Per modificare una simile abitudine, sbagliata e dannosa per il nostro Pianeta, una valida soluzione è costituita dall’acquisto di una caraffa filtrante.  

L’acqua filtrata è il risultato dell’utilizzo di tecnologie professionali, come appunto i filtri installati nelle caraffe, che intervengono sull’acqua distribuita dalla rete dell’acquedotto cittadino e destinata al consumo umano. I filtri sono in grado di modificare la limpidezza, le caratteristiche chimiche e microbiologiche, il gusto e persino il colore dell’acqua che esce dai rubinetti, esaltandone le qualità. Vediamo nello specifico perché dovremmo ricorrere al più presto all’utilizzo di una caraffa filtrante, fino a rivoluzionare completamente il nostro approccio al consumo di acqua. Oltre al già citato impatto ambientale, infatti, ci sono altri motivi che vi porteranno ad acquistare il prima possibile la caraffa che fa per voi.  

Oltre alla possibilità già accennata di tutelare l’ambiente, l’acqua filtrata è allo stesso tempo un buon modo di abbattere le spese di acquisto dell’acqua minerale. Basti pensare che, secondo il report Ismea che prende in esame l’anno 2018. I sistemi di filtraggio costituiscono una spesa una tantum, che mette al servizio del consumatore la tecnologia più avanzata, fornendo acqua illimitata. Una volta acquistata una caraffa, infatti, l’unica spesa da sostenere sarà quella legata alla sostituzione dei filtri. Avendo cura di operare una corretta manutenzione, insomma, potremo conservare la nostra caraffa a lungo nel corso del tempo.  

Ancora dei dubbi sulla qualità dell’acqua di rubinetto? Anche la stessa Organizzazione mondiale della sanità ha confermato che abbeverarsi dal rubinetto fa bene alla salute e riduce il rischio di malattie cardiache. E allora perché non approfittare di un bene che rientra nei nostri diritti, rendendolo peraltro ulteriormente più puro grazie all’intervento dei sistemi filtranti. L’acqua microfiltrata, infatti, rappresenta il tipo più puro di bevanda, priva di sapori sgradevoli e di eventuali elementi tossici. Da non dimenticare, inoltre, che l’acqua può essere utilizzata come ingrediente in numerose ricette, quindi avere a disposizione quella filtrata ci farà fare un figurone anche in cucina. Conservare l’acqua di rubinetto in bottiglie o caraffe senza un’adeguata manutenzione e pulizia, però, può essere pericoloso perché in questi contenitori potrebbero proliferare i batteri. Ed è proprio a questo punto, quindi, che le caraffe filtranti possono rivelarsi un prezioso alleato nel garantire una conservazione completamente sicura.  

Per chiunque sia tentato dall’idea di acquistare una caraffa filtrante ma ha paura di non essere in grado di effettuare la manutenzione, entra in gioco il prezioso aiuto da parte della tecnologia. LAICA, azienda che da più di trent’anni studia e realizza prodotti per il benessere della casa e per la filtrazione domestica con sistemi pratici e tecnologicamente avanzati, ha da poco lanciato un’applicazione per smartphone che fa da guida alla corretta filtrazione. Tenere sotto controllo tutti i prodotti smart di LAICA diventa così semplice e pratico. Tra le opzioni dell’applicazione, ad esempio, è possibile registrare ciascun filtro acquistato dall’azienda, ottimizzando così il suo funzionamento e ricevendo delle notifiche personalizzate sul proprio smartphone riguardo al cambio filtro.  

Contatti: [email protected]
 

Fonte: lifestyleblog.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *