Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Pensioni, taglio dei costi necessario: il piano dell’Ocse per l’Italia

L’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) ha messo nel mirino le pensioni in Italia e ha già un piano su come il nostro Paese potrebbe risparmiare sulla spesa previdenziale. Oltre a dare indicazioni sul Reddito di Cittadinanza – chiedendo un taglio della misura così da incentivare i beneficiari nella ricerca di un nuovo lavoro – l’Ocse ha messo nel mirino anche le pensioni suggerendo al Governo italiano la ricetta su come tagliare i costi.

D’altronde, nei giorni scorsi il Ministro dell’Economia, Daniele Franco, si era detto preoccupato per il futuro delle pensioni in Italia, visto che il nostro è un Paese destinato a invecchiare, con il conseguente incremento della spesa pensionistica.

Se si vuole pensare a dei correttivi questo è il momento giusto e l’Ocse ha già le idee chiare a riguardo, puntando il dito non solo su Quota 100 ma anche sulle pensioni di reversibilità e su Opzione Donna.

Vediamo, nel dettaglio, qual è il responso dell’Organizzazione sul sistema pensionistico in Italia e quali sono le misure che secondo questa dovrebbero essere tagliate o persino cancellate.

Pensione con Quota 100: nessun ripensamento

Come da programma, Quota 100 cesserà di esistere dal 1° gennaio prossimo. Dopo questa data, si potrà continuare a godere di questa opzione per il pensionamento, quindi, solo nel caso in cui i requisiti previsti siano stati maturati entro il 31 dicembre 2021.

Ebbene, secondo l’Ocse l’Italia fa bene a non avere ripensamenti decidendo dunque di non confermare Quota 100 oltre la scadenza prefissata. Infatti, nel caso in cui questa dovesse essere confermata su base permanente avrebbe un costo insostenibile per le casse dello Stato. Nel dettaglio, in tal caso ci sarebbe un incremento della spesa pensionistica, che nel 2020 è stata pari al 17% del PIL e nei prossimi anni dovrebbe assestarsi al 16%, di 11 punti percentuali tra il 2020 e il 2045.

Confermare Quota 100 avrebbe un impatto troppo forte sulla spesa pensionistica, ragion per cui anche il Governo Draghi ha scelto di non percorrere questa via, lasciando però aperta la porta a una nuova riforma che prenda in considerazione delle misure di flessibilità alternative.

Taglio delle pensioni di reversibilità

Come noto, già oggi la pensione di reversibilità spetta al 100% solamente in determinate circostanze. Alla maggior parte dei superstiti, infatti, spetta solamente una quota della pensione di reversibilità, la quale a sua volta viene tagliata in presenza di altri redditi.

Per l’Ocse, tuttavia, l’attuale sistema di calcolo della pensione di reversibilità in Italia andrebbe rivisto, in quanto troppo vantaggioso. Nel dettaglio, l’Organizzazione suggerisce, per contenere ulteriormente i costi, di non rendere disponibile le pensioni di reversibilità a quei superstiti che sono molto al di sotto dell’età pensionabile.

D’altronde, la spesa per le pensioni di reversibilità in Italia è tra le più alte nei Paesi dell’area Ocse. 2,5% da noi, mentre la media è di appena l’1% del PIL.

Ragion per cui l’Organizzazione ritiene possa essere necessario un taglio dei beneficiari di questa misura, partendo dai più giovani che sono ancora in età da lavoro.

Opzione Donna: all’Ocse non piace

Infine, l’Organizzazione ha parlato anche di Opzione Donna, misura che consente alle lavoratrici di andare in pensione in anticipo al compimento dei 58 anni di età (uno in più per le lavoratrici autonome) e con 35 anni di contributi. Oggi possono accedere ad Opzione Donna solamente coloro che hanno maturato i suddetti requisiti entro la data del 31 dicembre 2020, ma questa scadenza potrebbe essere spostata in avanti dalla prossima Legge di Bilancio.

Nonostante si tratti di una delle misure per il pensionamento anticipato dal costo più basso, visto che comunque per accedervi le lavoratrici devono accettare un ricalcolo contributivo della pensione, l’Ocse suggerisce al Governo di non continuare con questa opzione, preferendo un ritorno ad una Fornero “pura” dopo la scadenza di Quota 100.

Una richiesta non nuova, visto che recentemente era arrivata anche dall’Unione Europea.

Pensioni: cosa farà il Governo Draghi?

Le indicazioni dell’Ocse verranno sicuramente prese in considerazione dal Governo Draghi. Dei tre suggerimenti, però, solo quello riferito a Quota 100 verrà sicuramente accolto visto che da parte dell’Esecutivo è già arrivata la conferma che non ci sono speranze per la conferma di questa misura oltre il termine prefissato.

Non sembra invece essere in programma una revisione del calcolo delle pensioni di reversibilità, il quale resterà invariato nei prossimi mesi.

Resta da capire, invece, cosa ne sarà di Opzione Donna: una proroga sembra essere in programma, ma se ne riparlerà nel più ampio dibattito sulla riforma delle pensioni che dovrebbe entrare nel vivo nelle prossime settimane.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *