Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Pasqua in zona rossa e si prosegue fino al 12 aprile, ecco i divieti e cosa si può fare

Per la prima volta dopo cinque settimane di aumento, si registra per il Piemonte una riduzione, seppur lieve, dei casi Covid. Anche la percentuale di positività dei tamponi si riduce lievemente (da 14.2% a 13.8%). Il numero dei focolai attivi cresce, mentre si riducono nuovi focolai e il numero di persone non collegabili a catene di trasmissione note.

Il tasso di occupazione dei posti letto risulta in ulteriore crescita passando da 55% a 59% per le terapie intensive e da 61% a 66% per i posti letto di area medica. L’Rt puntuale scende a 0.96 (era 1.17) e l’Rt medio 0.98 (era 1.16). L’incidenza pero’ resta superiore a 250 casi ogni 100 mila abitanti, dato che blocca il Piemonte ancora in zona rossa almeno fino al 12 aprile.

Intanto il presidente della Regione Alberto Cirio ha firmato un’ordinanza che introduce misure più restrittive in occasione delle festività.  Supermercati dovranno chiudere alle 13 del giorno di Pasqua e per l’intera giornata di Pasquetta. La chiusura vale per le grandi strutture di vendita la cui superficie supera i 1.500 metri quadri nei comuni fino a 10 mila abitanti e 2.500 metri quadri nei comuni con più di 10 mila abitanti. La chiusura riguarda anche le medie strutture di vendita, la cui superficie è compresa tra 151 e 1.500 metri quadri nei comuni fino a 10 mila abitanti e con superficie tra 251 e 2.500 metri quadri nei comuni con più di 10 mila abitanti.

Inoltre in Piemonte a partire dalla mezzanotte di oggi (1 aprile) fino a lunedì 5 aprile compreso, è vietato recarsi nelle seconde case per coloro che non sono residenti sul territorio regionale.

«Questa misura ha evidentemente la finalità di limitare le occasioni di assembramento in questi giorni di festa – sottolinea il presidente Cirio -, ma con la volontà di garantire le piccole attività di vicinato che potranno continuare a offrire il servizio e come segno di rispetto per dare un momento di riposo alle lavoratrici e i lavoratori della grande distribuzione, che da un anno con grande dedizione stanno anche loro garantendo un servizio essenziale per le nostre comunità».

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *