Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Ondata di maltempo sulla Penisola: gelo al Nord. Milano sotto la neve

Sulla Penisola una perturbazione porta freddo e neve al Nord dove si prevede tempo in prevalenza nuvoloso su tutte le regioni, con fenomeni nevosi anche in pianura. I fenomeni saranno più intensi sull’Appennino emiliano e sul Triveneto, fa sapere l’Aeronautica militare. Tra la tarda mattinata e il pomeriggio di oggi tendenza ad attenuazione dei fenomeni sulle pianure piemontesi e sulla Liguria di ponente.

Sono anche previsti venti da burrasca a burrasca forte Sud occidentale inizialmente su Liguria, Emilia Romagna, regioni centrali, coste venete e friulane e successivamente anche al Sud con attenuazione pomeridiana al Nord-Est; moderati variabili sul restante settentrione. Mari da molto agitati a localmente grossi il Mar di Sardegna e il Tirreno Centrale; molto agitati il Mar Ligure, il Canale di Sardegna e l’Alto Tirreno; da agitati a molto agitati i restanti mari.

Maltempo, neve su tutto il Piemonte: Torino si sveglia imbiancata

Milano e la Lombardia si sono risvegliate, stamani, ricoperte da un denso strato di neve fresca. Le nevicate sono cominciate la scorsa notte e ora, a Milano, la coltre bianca si aggira tra i 5 e i 10 centimetri, con le strade principali spazzate ma molte altre, quelle secondarie, ancora innevate. Sempre a Milano, una donna è rimasta ferita, a causa del crollo di un palo che l’ha travolta per strada. E’ accaduto pochi minuti prima delle 9 in via Raffaello Sanzio all’altezza del civico 21, quando, a seguito di una caduta di un albero, che ha colpito le linee aeree dei tram, uno dei «pali reggifilo» che le sostengono è caduto a terra. Secondo le prima informazioni del 118 la donna ha riportato un trauma cranico, ma sarebbe cosciente e, sempre secondo i soccorritori, non in pericolo di vita.

Un uomo di 69 anni è stato colpito alla testa da un ramo caduto a causa del maltempo, a Seregno, in Brianza. L’uomo ha riportato un trauma cranico commotivo e la frattura di una clavicola. L’uomo è stato soccorso da un’ambulanza e portato, in codice giallo, all’ospedale San Gerardo di Monza.

Code a tratti e entrate temporaneamente chiuse sono alcuni dei disagi che si sono registrati questa mattina nelle autostrade a causa delle forti nevicate, in particolare in Lombardia. I tratti maggiormente interessati sull’Autosole sono stati tra Milano e Campegine (Reggio Emilia), e sulla A4 fra Milano e Brescia. Su entrambe, dalle prime ore del mattino vige il divieto temporaneo di circolazione per i mezzi con massa complessiva superiore a 7,5 tonnellate. Presenza di disagi in corrispondenza di alcune uscite, a causa del mancato assorbimento lungo la viabilità esterna per le abbondanti nevicate, in particolare in corrispondenza di Piacenza Sud, Fiorenzuola e Fidenza in A1 e di Dalmine, Bergamo e Seriate in A4.

Maltempo, il risveglio bianco di Milano: in Piazza Duomo le strade coperte di neve

Mezzi spazzaneve e spargisale sono in azione dall’alba in Valtellina e Valchiavenna, investite da una forte ondata di maltempo con fitte nevicate anche sul fondovalle. Il capoluogo, Sondrio, si è svegliato stamani sotto la neve. Diversi i passi alpini chiusi o percorribili unicamente con catene montate. Il timore ora, oltre a quello legato alla transitabilità delle strade, in particolare quelle dei paesi a mezza costa sulle montagne, è anche di un possibile esodo verso il fondovalle di mandrie di cervi e camosci per cercare cibo e vincere il gelo della notte. 

Maltempo, la Lombardia imbiancata al risveglio: le le strade alle prime luci dell’alba

Molta neve nel Novarese e nel Verbano-Cusio-Ossola, in particolare a Omegna, Pettenasco e Orta, dove la coltre bianca sta già raggiungendo i venti centimetri. La situazione per ora è sotto controllo, anche se qualche difficoltà viene rilevata nei collegamenti con le frazioni di Omegna, come a Cireggio, e di Gravellona, a Pedemonte e Granerolo. Cinque centimetri sulle sponde del Lago Maggiore e a Verbania, mentre nei paesi della collina l’accumulo è arrivato ad una ventina i centimetri. Sembra comunque che la nevicata si stia esaurendo: ora il pericolo è quello della formazione di ghiaccio, complice il repentino abbassamento delle temperature che su entrambi i laghi sono oramai al di sotto dello zero. 

La forte nevicata in atto sui tratti appenninici di A7, A26, A6 e sulla Cisa dove è stato interdetto il transito ai mezzi pesanti. Al momento non è segnalata alcuna criticità grazie anche al traffico scarso. 

Maltempo, forte nevicata sulla A21: disagi alla viabiità

In base al bollettino meteo diramato dalla Protezione Civile, Rete Ferroviaria Italiana (gruppo FS Italiane) ha attivato la fase di emergenza dei Piani neve e gelo su alcune linee della Liguria, Piemonte e Lombardia. Il bollettino della Protezione Civile prevede anche la possibilità di gelicidio in alcune aree dell’entroterra ligure e del basso Piemonte. L’offerta ferroviaria è confermata con alcune riduzioni sul traffico regionale programmato sulle linee dove sono previste nevicate più abbondanti. Al momento non è interessato il traffico ferroviario di media e lunga percorrenza.

Maltempo, intensa nevicata a Bergamo: il bianco risveglio della città

A Roma, un uomo di 61 anni è stato ferito alla testa e a un braccio da un albero caduto a causa del forte vento intorno alle 12 in via Stern, all’altezza del civico 3, in zona Flaminio. Sono intervenuti la squadra dei vigili del fuoco di Prati assieme ai sanitari del 118 e alle forze dell’ordine.

In Liguria, il Comune di Genova ha allertato l’Amiu perché predisponga il passaggio di mezzi spargisale lungo la viabilità principale e nelle zone collinari, in base all’evolversi delle condizioni meteo e alla necessità.  Nello stesso tempo, il Comitato operativo per la viabilità riunito in Prefettura ha definito gli aspetti operativi di competenza dei vari Enti e delle Forze dell’Ordine per l’applicazione delle misure previste nel cosiddetto Piano neve e le operazioni di carattere preventivo e gli interventi da attuare in caso di forti criticità sulla viabilità stradale ed autostradale. In particolare, sul nodo autostradale genovese, la Prefettura ha rivolto una «viva raccomandazione» ai conducenti di mezzi pesanti «affinché seguano con la massima attenzione le notizie relative all’evoluzione del meteo e si informino circa la situazione della viabilità prima di mettersi in viaggio», in particolar modo a partire dalle 6 di oggi.

Neve a Torino: il centro città imbiancato

In Veneto, nevica in particolare sul Bellunese e sul Vicentino; imbiancati anche Venezia, i Colli Euganei ed il Garda. Con l’inizio degli spostamenti per lavoro, si segnalano alcuni lievi incidenti e disagi alla circolazione extraurbana, nonostante le amministrazioni avessero attivato i piani anti-neve nelle scorse ore. Mentre la scorsa notte alla dolina di Campo Magro, sull’Altopiano di Asiago (Vicenza) il termometro ha segnato -41,8 gradi, record del freddo dovuto all’aria polare in arrivo sull’Italia, le previsioni di Arpa Veneto parlano di «fenomeni diffusi, più consistenti sulle zone centro-settentrionali, con neve fino al primo pomeriggio, con accumuli di neve consistenti oltre i 700, 1000 metri anche nei fondovalle prealpini, sulle zone pedemontane e localmente sull’alta pianura». Il fenomeno dovrebbe attenuarsi e cessare a fine giornata.

Ischia e Procida sono oggi servite da pochissimi collegamenti marittimi a causa delle avverse condizioni meteomarine. Per il forte vento da Sud-Ovest, che soffia sino a 37 nodi, sono stati sospesi tutti i servizi di collegamento per le due isole con mezzi veloci mentre quelli operati dalle navi proseguono con molta difficoltà; per le prossime ore è previsto un peggioramento delle condizioni che potrà comportare ulteriori sospensioni delle corse previste.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *