Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Omicron 5, il caldo fa soffrire il virus, occhio invece all’autunno. I sintomi

Pisa, 4 giugno 2022 – L’aumento dei casi Covid registrato in Portogallo e in Germania per l’emergere della sottovariante Omicron 5 “non deve spaventarci, non rovinerà la nostra estate“. Lo sottolinea il virologo Mauro Pistello, direttore dell’Unità di virologia dell’Azienda ospedaliera universitaria di Pisa e vicepresidente della Società italiana di microbiologia.

“Abbiamo un altissima fetta della popolazione vaccinata con tre dosi – ricorda Pistello – il caldo poi fisiologicamente aiuta perché le radiazioni ultraviolette fanno soffrire il virus, persiste meno in ambienti aperti. In autunno è chiaro che il virus potrò tornare alla carica e per questo occorre farci trovare preparati soprattutto con nuovi vaccini aggiornati alle ultime varianti”.

E sui rischi legati a Omicron 5, Pistello spiega che “segue tutte le altre che si sono già presentate, inizialmente sembrano creare sfraceli, ma poi non è così. Intorno al 12-13 giugno avremo i nuovi dari della survey sulle varianti in circolazione in Italia e sapremo meglio quanto si sono diffuse Omicron 4 e 5”.

Omicron 5 in Liguria

“Abbiamo isolato per la prima volta in Liguria” la sottovariante di Sars-CoV-2 ” Omicron 5, in un paziente ricoverato presso la Clinica da me diretta” al Policlinico San Martino di Genova. Si tratta di “un signore di 80 anni proveniente da una crociera nel Mediterraneo. Sia lui che la moglie hanno avuto un andamento molto lieve” dell’infezione, a significare che BA.5 “si conferma probabilmente più contagiosa, ma certamente non più aggressiva rispetto altre sottovarianti”. Lo spiega Matteo Bassetti, direttore di Malattie infettive al San Martino. L’uomo “è stato ricoverato qualche giorno per altri problemi – evidenzia lo specialista – ma poi è andato a casa domenica scorsa, mentre la moglie ha avuto praticamente meno di un raffreddore”. Relativamente a Omicron 5, che “in Italia è stata isolata una quindicina di volte”, ricorda Bassetti, l’esperto definisce “molto importante il dato che questa sottovariante dà nel vaccinato un quadro clinico assolutamente lieve. Parliamo infatti di un signore di 80 anni, quindi avanti con gli anni, ma che comunque ha avuto un quadro lieve”.

Sintomi

Naso che cola e stanchezza. Questi in particolare i sintomi di Omicron 4 e 5, secondo il virologo Fabrizio Pregliasco dell’Università Statale di Milano. Le infezioni restano localizzate soprattutto nella vie respiratorie superiori e meno i polmoni, ma arriverebbero a lasciare tracce profonde anche sugli altri organi. Le due sottovarianti porterebbero anche dolori a stomaco e addome, male all’orecchio. Inoltre, colpirebbero anche i centri nervosi, con una sintomatologia come le vertigini che fino ad ora, specificano gli esperti, si è vista solo con le ultime varianti ibride XE, XJ e XF. Ma sembra che causino meno perdita del gusto e dell’olfatto. 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *