Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Nuova vita per la casa dello sport a Busto Arsizio

Finiti i lavori per la casa delle associazioni sportive di Busto Arsizio

Dopo un anno e mezzo di attesa finalmente si sono conclusi i lavori di ristrutturazione della casa delle associazioni sportive bustocche in via Ariosto. La palazzina ospita la sede delle Associazione Società Sportive Bustesi nota come Assb e presieduta da Cinzia Ghisellini.

Galleria fotografica

Finiti i lavori per la casa delle associazioni sportive di Busto Arsizio 4 di 14

All’inaugurazione, che si è svolta questa sera, lunedì 2 maggio, hanno preso parte il sindaco Emanuele Antonelli, l’assessore allo Sport Maurizio Artusa, la presidente del Consiglio Comunale Laura Rogora e il presidente di Agesp Attività Strumentali Alessandro Della Marra.

I Lavori iniziati a fine 2020 sono costati 650 mila euro, in gran parte finanziati da Regione Lombardia.


L’intervento ha riguardato la facciata, l’intonaco, l’imbiancatura generale, la sostituzione del cemento amianto con nuovi pannelli coibentati, i serramenti, i bagni, le porte interne, le pareti e le porte del vano scala a regola. La struttura è stata dotata anche di un nuovo ascensore mentre gli impianti idraulici ed elettrici sono stati revisionati. Anche l’appartamento del custode, all’ultimo piano, è stato completamente rifatto.

La Presidente Cinzia Ghisellini: “Finalmente siamo entrati nella Casa degli sportivi. Lo sport fa bene alla città e crea occasioni positive. Abbiamo dato forza e dignità ad una storia che va avanti da 56 anni.”.

Ghisellini ha sottolineato che la Sede Assb sarà a disposizione di tutte le società come luogo di ritrovo o per le assemblee delle società.

Il sindaco ci ha tenuto a ringraziare Laura Rogora per l’impegno che ci ha messo quando è stata assessore allo Sport e Massimo Tosi, storico ex-presidente che sempre ha insistito perché si intervenisse su questa palazzina.

L’attuale assessore allo Sport Maurizio Artusa ha dato merito “a chi mi ha preceduto. Da qui partono molte cose che riguardano lo sport cittadino. Ora avanti verso il 2023, quando Busto sarà città europea dello sport”.

Al momento sono sette le società ospitate tra le quali la storica Pro Patria Ginnastica con la sua sala che trabocca di trofei e materiale d’epoca.

Nei prossimi mesi verranno messi a bando per le società i 6 locali disponibili, perché non ancora occupati, e l’appartamento del custode.

Fonte: varesenews.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *