Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Notte di fuoco a Villa Massimo. Fiamme nel parco, danni a una palazzina

Fiamme nella notte nel quartiere Nomentano di Roma. All’interno di villa Massimo, nel giardino Giuseppe De Meo, è scoppiato un incendio che ha avvolto e distrutto l’ex punto ristoro noto come ‘Casina dei Pini’. Le fiamme sono scoppiate intorno alle due di notte del 10 novembre. Sul posto sei squadre dei vigili del fuoco che sono intervenute alla spalle di Villa Torlonia.

Nessuna persona è rimasta coinvolta. L’intera struttura grande circa 300 metri quadrati è stata distrutta dal fuoco. L’incendio ed il fumo sviluppatosi a seguito di combustione, ha causato anche alcuni danni ad una palazzina a ridosso dall’area coinvolta con ottanta persone temporaneamente evacuate. Le fiamme hanno anche danneggiato sette auto e una giostra in disuso. Sul posto, per le indagini, la polizia di Stato. Al momento non è esclusa nessuna ipotesi. 

Le denuncia dei cittadini

Sul rogo è intervenuto anche il Comitato Viva Villa Massimo: “Ciò che temevamo purtroppo è successo. Il grosso incendio ha avvolto e distrutto completamente ciò che rimaneva dell’immobile dell’ex punto ristoro del giardino di viale di Villa Massimo. Lo denunciavamo da anni, da quando nel 2017 fu chiuso e relegato ad incuria e degrado, che prima o poi si sarebbe potuto verificare un fatto grave di cronaca. Da tempo si poteva osservare chiaramente che all’interno della struttura vi erano intrusioni di vandali e senzatetto”. 

“Di fronte ad un fatto così eclatante, che tende evidenti le responsabilità di chi avrebbe dovuto occuparsi di recuperare questo spazio pubblico per restituirlo all’uso dei cittadini ed invece ha fatto di tutto per impantanare la vicenda con carte e burocrazia pur di non agire, ci auguriamo che qualcuno ne paghi le conseguenze in modo esemplare”, dicono.

incendio villa massimo1

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *