Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Nessun ripensamento, Messi non si presenta alle visite mediche

La Pulga ha ‘disertato’ i test previsti per le 10. Presenti invece Luis Suarez e Vidal

Nessun ripensamento dell’ultim’ora da parte di Lionel Messi. Alle parole di ieri sera seguono i fatti, con buona pace delle decine di giornalisti e tifosi radunatisi questa mattina davanti ai cancelli della Ciutat Esportiva Joan Gamper: l’argentino non si è presentato, disertando così i test anti-Covid nonostante fosse stato convocato insieme al resto della squadra. Dalle 8.30 alle 11 si sono presentati tutti meno Messi, fedele al rifiuto annunciato ieri sera alla dirigenza blaugrana.

Messi non c’è

—  

Al centro sportivo blaugrana sono giunti tutti alla spicciolata, compresi gli illustri epurati da Koeman. Si è presentato il cileno Vidal, tra i primi a essere scaricati dal tecnico olandese e al centro dei desideri interisti. Tra gli ultimi ad arrivare anche Luis Suarez, inseparabile amico della Pulce a cui è già stato dato il benservito nel corso di una sbrigativa chiacchierata telefonica. All’appello è mancato solo Messi, convocato per le 10.15 ma rimasto fermo sui propositi annunciati nella serata di sabato.

Appello presidenziale

—  

Nel frattempo, sullo sfondo del braccio di ferro tra il giocatore e il Barça si è mosso anche il presidente argentino, Alberto Fernandez, che nella notte ha lanciato un sentito appello alla Pulce. La Casa Rosada si è unita al richiamo lanciato giovedì dai tifosi del Newell’s Old Boys con una massiccia carovana di auto per le strade di Rosario e ha invitato Messi a tornare in patria. “Leo è nei cuori del popolo argentino, che purtroppo non l’ha mai potuto vedere giocare nella squadra in cui è nato. Speriamo che regali a tutti i suoi connazionali la gioia di vestire la maglia del Newell’s, perché è casa sua”, si è esposto il presidente argentino a dispetto della sua dichiarata fede per l’Argentinos Juniors.

Cosa era successo?

—  

La vicenda Messi ha scosso il calcio. La Pulga ha chiesto al club di lasciarlo andare dopo una vita da blaugrana e una sfilza di trofei. Diversi club in agguato, dall’Inter al Psg, fino al City di Guardiola. Messi ha comunicato di voler partire tramite un burofax. Cioè? Uno strumento usato per comunicazioni urgenti, un fax certificato molto usato in Spagna che certifica, in modo legale, chi sia il mittente, il destinatario e il messaggio contenuto. In questo caso: mittente Leo, destinatario Barcellona, oggetto “voglio andare via”.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *