Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Nello sport si continua fra molti punti interrogativi – TGR Friuli Venezia Giulia

Salute

Il Dpcm si presta a diverse interpretazioni: si fermano in pratica solo i campionati minori. Basket e volley, avanti anche l’attività giovanile

di Sebastiano Franco


Per lo sport un decreto con molti interrogativi. Sì a partite e gare sportive a livello regionale e nazionale per professionisti e dilettanti. Il divieto è per gli sport di contatto a livello amatoriale e per le gare dilettantistiche in ambito provinciale. E’ possibile però, che chi pratichi uno sport come calcio, basket o pallavolo, nell’ambito di una società sportiva, continui ad allenarsi a livello individuale e faccia training con i compagni di squadra evitando però il contatto: Niente “partitelle”, ma le scuole calcio potranno rimanere aperte. La conferma arriva dal profilo facebook del ministro Spadafora.
Per il basket fermo il campionato di prima divisione mentre per la pallavolo quelli di prima e seconda divisione. Entrambe le federazioni però sarebbero orientate ad andare avanti con le gare giovanili fino all’under 13 perché si tratta di campionati regionali organizzati con delega a livello territoriale. Si salvano – ma tra una settimana ci sarà un nuovo riscontro in base ai dati – le piscine e le palestre.
Ma a chi spetta controllare l’andamento e l’applicazione dei protocolli in queste strutture? Giorgio Brandolin, presidente regionale del Coni, ha sempre sottolineato l’importanza di tenere aperte le scuole. In merito al decreto sull’attività sportiva Brandolin solleva dei dubbi sulle diverse valutazioni fra gare regionali e provinciali. E perché – chiede – chi, tra piscine e palestre, non ha rispettato i protocolli, non è stato sanzionato?

Fonte: rainews.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *