Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Napoli, rapinatore di 17 anni muore in un conflitto a fuoco con la polizia. Arrestato complice: è figlio Genny ‘a carogna


Rapinatore di 17 anni muore in un conflitto a fuoco la polizia

Aveva 17 anni il rapinatore morto in un conflitto a fuoco con la polizia nella notte a Napoli. Un giovane complice, Ciro De Tommaso, 18 anni, è stato arrestato: è il figlio di Genny ‘a carogna, il noto ultrà partenopeo. Gli agenti erano intervenuti per sventare una rapina ai danni di alcuni ragazzi.

Calcio, Genny ‘a carogna: le pressioni della camorra sul Napoli e quella rissa con Lavezzi in discoteca
Genny la Carogna, da capo ultrà del Napoli a collaboratore di giustizia
 

Video

Secondo le prime informazioni, il giovane e un complice erano a bordo di uno scooter – successivamente risultato rubato – in via Duomo, nel centro storico, quando hanno avvicinato un’auto. I due rapinatori erano armati: uno di loro sarebbe entrato nella vettura ed è in quel momento che sarebbe arrivata la pattuglia dei Falchi della polizia.
 

Nel corso dell’azione, il poliziotto ha sparato ed uno dei giovani è rimasto ucciso. L’altro ragazzo, un diciottenne, figlio di Genni ‘a carogna, il noto ultrà partenopeo, è stato ferito e arrestato. Gli agenti hanno recuperato la pistola che avevano i due giovani banditi.
 
Napoli, 15enne ucciso, aveva già compiuto un altro colpo. Il carabiniere indagato per omicidio volontario
Napoli, sedicenne ucciso durante tentativo di rapina a un carabiniere. Parenti devastano l’ospedale
 

Vittime ascoltate in questura

Le vittime della rapina sono adesso in questura a Napoli, ascoltate dagli inquirenti per ricostruire la dinamica dei fatti. Secondo quanto ricostruito finora, i due giovani a bordo di uno scooter hanno bloccato un’auto e armati di pistola stavano rapinando le tre persone a bordo.
 

Chi è Genni ‘a carogna

Il diciottenne arrestato al termine del conflitto a fuoco a Napoli nel quale è morto un rapinatore diciassettenne è Ciro De Tommaso, il figlio di Gennaro De Tommaso, soprannominato «Genny ‘a carogna».  “Genny ‘a carogna” divenne “celebre” per essere stato ripreso dalle telecamere nello stadio Olimpico la sera del 3 maggio 2014, mentre calmava la curva azzurra dopo gli scontri in cui fu ferito gravemente a Roma il tifoso del Napoli Ciro Esposito, morto poi 53 giorni dopo in ospedale. Esposito era stato colpito durante scontri nei pressi dello stadio prima della partita, per mano dell’ultras romanista Daniele De Santis, successivamente arrestato e condannato.

De Tommaso intavolò una trattativa prima della finale di Coppa Italia Napoli-Fiorentina per consentire lo svolgimento della gara ed evitare disordini in campo. La foto di De Tommaso, a cavalcioni di una balaustra degli spalti, fece il giro del mondo. Genny, oltre ad essere in contatto con le frange estreme del tifo azzurro, è stato anche condannato per traffico di sostanze stupefacenti. Il Tribunale di Napoli lo ha condannato a 18 anni di carcere. A marzo 2019 è diventato collaboratore di giustizia.


  Ultimo aggiornamento: 12:55


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *