Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Nada Cella, Annalucia Cecere vista il giorno dell’omicidio da una supertestimone

di Redazione cronache

Gli inquirenti hanno diffuso l’audio anonimo di una donna che dopo l’omicidio avrebbe visto Annalucia Cecere, indagata dopo la riapertura dell’inchiesta

Un audio anonimo potrebbe essere un elemento chiave nell’inchiesta sull’assassinio di Nada Cella. È quello di una donna, verosimilmente di un’anziana, che avrebbe visto Annalucia Cecere, la donna indagata per il delitto dopo la riapertura delle indagini, sul luogo del delitto. L’audio è stato diffuso dalla Procura di Genova e dagli investigatori della squadra mobile affinché si possa rintracciare chi chiamò per fornire la testimonianza.

«L’ho vista che andava via col motorino — dice la donna riferendosi ad Annalucia Cecere —, l’ho vista tutta sporca che metteva tutto sotto la sella. L’ho salutata e manco mi ha guardata. Le dico la verità. L’ho vista quindici giorni fa nel carruggio e non mi ha nemmeno guardata».

L’omicidio 25 anni fa

Nada Cella fu ammazzata il 6 maggio 1996 a Chiavari nello studio di un commercialista dove lavorava come segretaria. Grazie alla criminologa Antonella Pesce Delfino che ha fornito nuovi elementi, la Procura di Genova ha riaperto l’indagine indagando per omicidio Cecere, mentre il commercialista Marco Soracco e l’anziana madre Marisa Bacchioni sono stati iscritti nel registro degli indagati per false testimonianze rese al pm.

Annalucia Cecere era stata già indagata 25 anni fa, ma poi la sua posizione venne archiviata. Gli inquirenti ipotizzano che la donna, ora 53enne, possa aver ucciso per gelosia perché voleva il posto della Cella come segretaria per poter conquistare il commercialista.

12 novembre 2021 (modifica il 12 novembre 2021 | 19:49)

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *