Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Musumeci: “Si svuota l’hotspot di Pozzallo, alzare la voce serve”

Migranti

Sono stati trasferiti i 62 migranti positivi al coronavirus che erano ospitati nell’hotspot di Pozzallo. Atteso oggi in Sicilia il ministro per il Sud Giuseppe Provenzano


I 62 migranti positivi al Covid-19 ospitati fino ad oggi all’hotspot di Pozzallo, in provincia di Ragusa, sono stati trasferiti. Ne dà notizia il sindaco, Roberto Ammatuna.  “È il frutto di una collaborazione quotidiana, continua e riservata con il ministero dell’Interno e con la prefettura di Ragusa – afferma Ammatuna – che testimonia come soltanto la sinergia istituzionale può portare a risultati celeri. La mia preoccupazione, esternata in ogni occasione e con tutti i mezzi di comunicazione, è stata sempre indirizzata verso questo particolare aspetto del problema immigrazione – prosegue -, non certamente verso la politica dell’accoglienza, che continua ad essere una delle scelte etiche fondamentali per questa Amministrazione. Per questo importante risultato – continua Ammatuna – intendo ringraziare il ministero dell’Interno, la prefettura di Ragusa e quanti si sono spesi per raggiungerlo. Purtuttavia, tutto ciò non significa che non esistano problemi nella gestione dei flussi migratori – conclude il sindaco di Pozzallo – e ribadisco la necessità che il presidente Conte dia la massima priorità alla questione, coinvolgendo il governo nella sua interezza, prendendo visione diretta delle difficoltà esistenti nei comuni interessati dal fenomeno, magari ascoltando i sindaci e le autorità locali che hanno una visione diretta e completa del problema”.

Musumeci:arriva task force e svuotano hot-spot
“Da stamattina, a quanto apprendo, si è iniziato a svuotare l’hotspot di Pozzallo, dove alle 11 è stato inviato il nostro team per esaminare l’idoneità dei locali. I ricorsi notificati a mezzo stampa non producono effetti. Ma alzare la voce, a tutela della salute pubblica, evidentemente sì. Vedremo se in qualche giorno si ristabilirà la legalità”. Lo scrive su Facebook il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, in riferimento alla sua ordinanza che imponeva da mezzanotte lo sgombero degli hotspot e dei centri di accoglienza. La circolare emessa ieri dall’assessore alla Salute, Ruggero Razza, ai fini dell’esecuzione dell’ordinanza, stabiliva l’invio, da parte delle Aziende sanitarie provinciali, del personale medico per accertare l’idoneità delle strutture. Il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna, da parte sua ha spiegato che sono stati trasferiti i 62 positivi al coronavirus.

Da stamattina, a quanto apprendo, si è iniziato a svuotare l’HotSpot di Pozzallo, dove alle 11 arriverà il nostro team…

Pubblicato da Nello Musumeci su Martedì 25 agosto 2020

Sindaco Lampedusa: atto Musumeci serve a svegliare governo assente
“L’ordinanza di Musumeci vuole svegliare un governo assente. Però se noi chiudiamo l’hotspot, quando ci saranno gli arrivi spontanei dove andranno i migranti?”. Lo afferma Salvatore Martello, sindaco di Lampedusa a Radio Cusano.”Salvini, che è entrato in un hotspot senza mascherina e quindi dovrebbe fare un po’ di quarantena, ha detto una falsità dicendo che i migranti infetti girano nell’isola, non è vero assolutamente. Questo racconto, falso, ha dato il colpo di grazia al turismo. Nessun turista arrivato o tornato da Lampedusa è risultato positivo”, sottolinea.”Sull’immigrazione tutti i governi hanno fallito. Porti chiusi di Salvini? La situazione era uguale, identica. C’era giusto più esposizione mediatica”, aggiunge.
 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *