Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Musetti, dopo il k.o. a Parma è già tempo di Roland Garros

Lorenzo deluso dalla sconfitta con Nishioka agli ottavi: “Giornata da cancellare, venerdì si parte per il Roland Garros”

La giornata di Parma si chiude con l’uscita di scena di tre dei quattro italiani in campo. Flavio Cobolli si è fermato, comprensibilmente, contro il tedesco Struff. Ma per Musetti e Sonego l’uscita di scena agli ottavi non era prevista. Lorenzo il giovane, Musetti, dopo un bel match vinto in rimonta contro Mager al primo turno, è stato sconfitto dal giapponese Nishioka, numero 60 al mondo, in due set. E dire che non era cominciata male per il toscano, subito avanti un break all’inizio della partita, ma poi capace di perdere il servizio ben cinque volte in due set: “Lui è stato bravo a ribaltare la partita e io non sono stato capace di reagire. Oggi era una giornata no – spiega il 19enne abbastanza deluso -, è vero che arrivo da settimane intense con la semifinale a Lione, ma non posso dire di essere stanco”.

Il servizio non ha funzionato a dovere anche se il carrarino è riuscito a mettere in campo il 75% di prime palle: “Non posso dire che il mio servizio non funzioni, ma sono mancati i punti diretti con la battuta – ha continuato -. È un colpo che posso e devo migliorare. Ma in generale è stata una giornata da cancellare”. Nessun problema fisico, nonostante la copertura al braccio destro: “No, nessun infortunio. La manica non è un vezzo, ma era per precauzione”.

Testa a Parigi

—  

Volendo vedere il bicchiere mezzo pieno, la partenza per Parigi è anticipata, con più tempo da dedicare alla preparazione per il Roland Garros: “Ora devo dimenticare questa brutta prestazione e pensare a Parigi. Partiremo venerdì e da sabato cominceremo ad allenarci, mi dispiace essere uscito così presto qui a Parma, però mi consolerò respirando l’aria dello Slam”.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *