Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Mourinho: “Faremo di tutto per avere Pellegrini al derby. Espulsione ridicola”

Lo Special One è soddisfatto della vittoria giallorossa ma pensa già alla Lazio: “Non conosco i meccanismi legali del calcio italiano a livello giuridico, ma vorrei conoscerli per cercare di farlo giocare. Calafiori ragazzo fantastico, dovrà diventare uomo”

Un Josè Mourinho nel complesso soddisfatto, quello nel post partita allo Stadio Olimpico: “Abbiamo giocato i primi 35 minuti migliori di questo campionato, contro una squadra difensivamente ben organizzata. Siamo riusciti a segnare soltanto un gol, è vero, ma nel complesso abbiamo tenuto le redini dell’incontro. Nel secondo tempo ovviamente la reazione dell’Udinese c’è stata, però siamo sempre stati squadra, specialmente nei momenti più difficili, chiudendo gli spazi e gestendo bene il pallone”.

SOSTENIBILITÀ

—  

È questo il concetto sul quale si sofferma lo Special One, in una Roma in crescita, ma con ancora dei punti sui quali lavorare: “Ci manca anzitutto il tempo, sicuramente. In questo momento sono concentrato sul far crescere la squadra, sull’organizzazione e sulla tenuta mentale, insieme a persone splendide con cui lavoro. Dobbiamo lavorare molto e avremo bisogno di tempo e di qualcosa in più, che il tempo porterà. Anche la dirigenza ha bisogno di tempo, non soltanto il gruppo squadra. Questa proprietà si preoccupa non solo sull’oggi, ma anche sul domani. La priorità è la sostenibilità del club. I tifosi oggi sono stati dietro alla squadra e di questo sono contento. È importante che i tifosi siano con noi, ci sostengano, soprattutto nelle sconfitte. Dobbiamo proseguire con tranquillità”.

PELLEGRINI E CALAFIORI

—  

La domanda su Pellegrini e sul momento del centrocampista è d’obbligo, e Mourinho non perde tempo nel recupero del giocatore per il derby di domenica pomeriggio, giustizia permettendo: “Non conosco i meccanismi legali del calcio italiano a livello giuridico, ma vorrei conoscerli per cercare di farlo giocare. Ho diversi dubbi sul secondo giallo: voi dite che è un provvedimento severo, io lo reputo ridicolo. Il calcio è e sarà sempre uno sport di contatto, al giorno d’oggi è molto chiaro se un fallo è da giallo o da rosso. Se giocherà domenica? Non lo so, vediamo i meccanismi legali del calcio italiano e aspettiamo”. Infine arriva il commento su Riccardo Calafiori, in netta crescita: “Lui ha giocato meglio delle ultime gare, avendo rischiato di più. Oggi si è spinto oltre, contribuendo anche al gol. Deve avere maggiore fiducia in sé stesso, nelle sue capacità fisiche e non si deve spaventare. Non deve chiedere il cambio al primo problema: ora è un ragazzo fantastico, con un cuore veramente giallorosso, e significa molto per noi, ma dovrà diventare uomo, lavorando e dando il massimo”.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *