Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Motori: i dati aggiornati sul mercato delle auto usate e nuove immatricolazioni in Sicilia


ASCOLTA L’ARTICOLO

Le crisi economica derivata dalla recente pandemia non ha certo agevolato gli acquisti e in tutto il mondo il mercato dell’auto, almeno per quanto riguarda il nuovo, ne ha profondamente risentito.

Al contrario, la vendita dell’usato ha invece registrato un incremento anche nella regione Sicilia con buona disponibilità di auto usate a Palermo e nelle altre province siciliane;relativamente al territorio, lo specifico settore sta attraversando un momento molto favorevole che può essere sintetizzato come segue:

– incremento delle vendite pari al 4,2% nel 2021 rispetto all’anno precedente, dopo che è stato registrato un aumento del 5% passando dal 2019 al 2020;

– la Sicilia risulta essere al quinto posto nella classifica regionale in Italia per quanto riguarda la commercializzazione di vetture usate;

– la provincia più attiva è quella di Catania, dove sono state registrate oltre 61 mila compravendite: segue Palermo con 55 mila e 482 unità e quindi Messina con meno di 30 mila veicoli oggetto di transazione. Fanalino di coda è la provincia di Enna con poco meno di 8 mila vetture usate vendute;

– la media dei prezzi si aggira fra i 8 mila e gli 12 mila euro, tenendo presente che in Sicilia le persone usano cambiare auto dopo almeno 8 anni dalla prima immatricolazione, un dato che evidenzia la tendenza degli automobilisti a passare a un altro veicolo solo in caso di necessità.

Il mercato delle auto nuove in Sicilia a Ottobre 2021

Se il mercato delle auto usate va leggermente meglio, non si può dire altrettanto del commercio delle auto di nuova immatricolazione; la situazione sembra essere inversamente proporzionale e rispecchia l’andamento economico attuale. In pratica, le persone non possono più di tanto fare a meno dell’auto e tutti coloro che erano soliti comprare un veicolo nuovo si trovano a valutare l’idea di “ripiegare” sull’usato. Certamente non si può fare di tutta l’erba un fascio, ma l’andamento generale del mercato registra la tendenza sopra descritta.

I dati nudi e crudi mostrano quanto segue:

– le vendite del nuovo in Italia hanno subito un calo pari al 35%;

– nella sola provincia di Palermo nel corso del mese di Ottobre sono state registrate 1365 vetture nuove a fronte di oltre 1750 immatricolazioni avvenute nello stesso mese relativamente all’anno 2020;

– nella provincia di Catania i veicoli immatricolati sono stati 1130, mentre l’anno precedente risultano oggetto di compravendita più di 1400 auto;

– la provincia di Messina ha fatto registrare 852 compravendite di auto nuove a fronte delle 1054 avvenute nel mese di Ottobre 2020.

Come si può evincere dai numeri evidenziati siamo di fronte a un calo abbastanza evidente delle nuove immatricolazioni, un problema che riguarda non solo le auto ma anche tutti gli altri veicoli a motore.

Considerazioni finali

La crisi del microchip, il passaggio alle auto ibride ed elettriche e l’abolizione del diesel oramai alle porte contribuiscono a condizionare il mercato delle auto nuove già ampiamente provato dagli effetti negativi della pandemia. In uno scenario simile gli automobilisti si trovano a fare i conti con costose novità anche di fronte all’eventuale acquisto di utilitarie appartenenti al segmento “A”.

AUTORE.   Claudia Bianco

Fonte: castelvetranoselinunte.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *