Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Motori e auto d’epoca: venerdì a Fermo transita la 1000 Miglia e le scuole chiudono

FERMO – Dopo 4 anni torna il fascino della 1000 Miglia. La manifestazione, edizione n. 38, tornerà, dopo il 2016, a transitare nella Città di Fermo venerdì 23 ottobre. 90 le Ferrari che apriranno la carovana. A seguire le 400 auto storiche. La prestigiosa corsa automobilistica si svolgerà infatti dal 22 al 25 ottobre (doveva tenersi a maggio, ma poi è stata rinviata causa lockdown) con partenza da Brescia, nel rispetto ed osservanza delle normative vigenti sull’emergenza. L’evento tornerà nuovamente a toccare tutte e cinque le province marchigiane da nord a sud come già avvenuto nelle edizioni dal 2014 al 2016. La manifestazione attraverserà le Marche durante la seconda tappa dell’evento che partirà da Cervia-Milano Marittima per raggiungere le Marche, transitare, fra le altre città, a Fermo (un ringraziamento per il sostegno all’evento va anche alla Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo) e arrivare a Roma in serata.

“Riapriamo il nostro salotto buono a questo evento e ringrazio l’Aci Ascoli Fermo ed il Presidente Bargoni – le parole del vice Sindaco di Fermo Mauro Torresi nel corso della presentazione avvenuta questa mattina in modalità on line (FOTO) – gli ingressi in Piazza con le nuove normative sono contingentati fino a 150 persone. Il tutto si svolgerà nel rispetto dei protocolli, anche grazie al lavoro della Polizia Locale e alla collaborazione del’associazione Carabinieri in congedo e della Manovella del Fermano”.

Evento che torna in città con alla Presidenza dell’Aci Ascoli-Fermo il fermano Alessandro Bargoni, succeduto ad Elio Galanti, già vicepresidente vicario dell’Ente e da tre decenni circa nell’organico dell’Automobile Club. “Un evento di risonanza mondiale, che porta sulle strade del centro-nord centinaia di splendide vetture per ricordare la gara automobilistica che coinvolse l’Italia in 24 edizioni dal 1927 al 1957 – ha detto Bargoni (presenti anche Luca Frascari, consigliere Aci e Carlo Iommi della Scuderia Firmum) – un messaggio di speranza in questo periodo che vuole arrivare da questa gara. Ringrazio il Sindaco Paolo Calcinaro, che ha sempre sostenuto questa manifestazione, a cui inviamo un messaggio di pronta guarigione, il vice sindaco Torresi, gli assessori Scarfini e Cerretani”.

“Grazie all’Aci che ha nuovamente scelto Fermo per il suo percorso e per la sua bellezza – ha detto l’assessore allo sport Alberto Scarfini – che dimostra la tradizione in fatto di motori in città e che in questa edizione avverrà nel rispetto dei protocolli di sicurezza”.

Il territorio fermano era stato attraversato dalla corsa nelle sue ultime nove edizioni dal 1949 al 1957 sulla litoranea adriatica, la prima volta verso nord nel tratto di ritorno da Roma a Brescia, nelle otto edizioni successive verso sud, quando la manifestazione da Brescia raggiungeva Roma percorrendo l’Adriatica fino a Pescara per internarsi in Abruzzo verso la capitale.

“Un volano turistico, una bella opportunità per far conoscere Fermo – ha detto l’assessore al turismo Annalisa Cerretani – invito i fermani a vedere queste auto nel percorso che magari faranno lungo le vie e le strade cittadine, in assoluta sicurezza. Una delle poche opportunità per vedere in movimento le auto da corsa che hanno fatto la storia”.

“Grazie all’Amministrazione Comunale per averci invitato a collaborare – le parole dell’associazione La Manovella del Fermano attraverso Laura Ricci – che testimonia il nostro amore per il motorismo d’epoca. Da parte nostra daremo una mano con venti volontari”.

PERCORSO

Il carosello di auto non sosterà, ma transiterà lungo il percorso che all’interno del territorio del Comune di Fermo si snoderà lungo queste strade: incrocio Mezzina (Campiglione), rotonda nei pressi dello scatolificio Valtenna, rotonda S.P. Girola, via Salvemini, rotonda S. S. 210 – S.P. Girola, rotonda variante del Ferro, rotonda supermercato, rotonda Tirassegno, incrocio via Nievo – via Foscolo, incrocio Casa Marchetti, rotonda San Francesco, Piazza Dante, Piazza Ostilio Ricci, Largo Calzecchi, Piazza del Popolo, Torre Matteucci, Largo Rivolta, Largo Fogliani, via XX Giugno – corso Marconi, Rotonda San Giuliano, rotonda via Diaz, via Diaz-via Appennini. In Piazza del Popolo il tempo di rallentare pochi istanti per il timbro elettronico Gps e poi si riparte. Dalle ore 13.30 in poi sono attese le Ferrari e a seguire le auto storiche.

SCUOLE

Per consentire lo svolgimento della manifestazione è stata inoltre firmata un’ordinanza per le scuole cittadine, valida solo per il 23 ottobre, che dispone:

– la sospensione delle attività didattiche delle scuole Superiori del territorio comunale;

– l’uscita anticipata, alle ore12:00 delle scuole Medie del territorio comunale;

– l’uscita anticipata, alle ore 11:00 delle scuole Primarie del territorio comunale e della scuola dell’infanzia di Molini di Tenna, in via G. Salvemini.

Fonte: corrierenews.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *