Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Motori ad asse inclinato V16 di Parker Hannifin per regimi elevati

Pubblicato il 9 settembre 2022

Parker Hannifin V16

La Pump and Motor Division Europe di Parker Hannifin ha reso disponibile la serie V16 di motori ad asse inclinato e a cilindrata variabile. La nuova V16, un’evoluzione delle rinomate serie di motori V12 e V14, offre ottime prestazioni in termini di velocità e pressioni nominali, con conseguente aumento della produttività e margini di sicurezza più elevati nei settori edile, nautico e offshore, Oil & Gas e agricolo.

I nuovi motori Parker Hannifin sono disponibili in due dimensioni, V16-220 e V16-270, e sono progettati per trasmissioni a circuito sia aperto che chiuso, con particolare attenzione alle macchine ad alte prestazioni. Grazie all’innovativo sistema di controllo del pistone differenziale, a una valvola a 3 vie e al miglior rapporto di cilindrata della categoria (5,5: 1), il motore V16 consente un controllo fluido e preciso. Il design del pistone sferico brevettato con fasce elastiche laminate consente regimi dell’albero elevati, fino al 30% superiori rispetto alla concorrenza. In combinazione con il livello di alta pressione, fino a 550 bar, la serie V16 assicura prestazioni migliorate e lunga durata.

Il design del pistone sferico consente inoltre un’elevata efficienza volumetrica fino al 99%. Grazie alla possibilità di ridurre la corsa dei motori a cilindrata zero e al minimo, è possibile ottenere significativi risparmi di carburante.

“V16 è probabilmente il motore ad asse inclinato variabile più efficiente sul mercato”, afferma Christian Bengtsson, Product Leader di Pump & Motor Division Europe. “Siamo in grado di ridurre significativamente i costi operativi diminuendo il consumo energetico e supportando gli obiettivi degli OEM di ridurre le emissioni e rispettare le future normative ambientali”.

La serie V16 è disponibile nelle versioni ISO e SAE insieme a opzioni di attacco flessibili, tra cui attacchi assiali e radiali standard. Parker offre anche un’opzione di monitoraggio grazie all’aggiunta di un nuovo sensore di posizione e di un sensore di velocità plug-in.

Fonte: automazione-plus.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *