Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Moto ad acqua, ecco l’idea Yamaha

ROMA – Niente carburante. Solo acqua. Sembra che sia stata la stessa Yamaha a commissionare al francese Maxime Lefebvre lo studio della nuova XT 500. Aggiornata nel nome del suffisso H2O Concept, è una moto che il designer del gruppo austriaco KisKa – team già conosciuto per le collaborazioni con KTM, Husqvarna, Lambretta e altre case motociclistiche – ha disegnato attorno a un avveniristico motore ad acqua.

Fattezze di un bicilindrico “a V”, il vero propulsore è posto all’interno del mozzo posteriore. Il quale prenderebbe energia dall’acqua, spinta da un sistema a pompa attraverso un iniettore ad alta pressione. Acqua che ritornerebbe continuamente alla pompa, creando una circolazione continua, per un flusso inesauribile e, assolutamente, a inquinamento zero, anche acustico. Potrebbe però trattarsi di un complesso ibrido, laddove una batteria dovesse alimentare elettricamente la pompa.

Ma non è detto, conoscendo i concetti visionari di Lefebvre. Nel 2015, fu egli stesso a ideare un altro modello rivoluzionario, una Honda sulla quale l’unità propulsiva a forma di cuore umano avrebbe avuto la capacità di assorbire l’anidride carbonica presente nell’atmosfera, l’acqua e l’energia solare trasformandoli in ossigeno molecolare, quindi in energia.

Della Yamaha XT 500 H2O Concept non si conosce altro, se non il suo design. Del quale si può pensare a una sua futura applicazione, ad oggi più ipotizzabile del sistema propulsivo ad acqua, anche se, a dire il vero, tutto il progetto sembrerebbe programmato per il 2025.

Quando la nuova versione della Yamaha XT 500, leggendaria moto del 1976 che introdusse lo stile “on-off”, potrebbe avere il telaio composto da un unico trave centrale, con funzioni di sostegno alla piccola sella, alla forcella e a cui sarebbe collegata la voluminosa pompa dell’acqua. Alla quale sarebbe integrata la sospensione posteriore monobraccio, giacché comprenderebbe anche i passaggi ad alta pressione per il mozzo/propulsore. Non c’è che da attendere.
 
 

Fonte: repubblica.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *