Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Morta la Regina Elisabetta, quando volle pregare a Capaci cinque giorni dopo la strage

E’ morta la Regina Elisabetta. Aveva 96 anni. La notizia è stata battuta pochi minuti dopo le 19.30. E’ stata la sovrana che ha regnato più a lungo sull’Inghilterra, avendo regnato per 70 anni. Ha cambiato la storia. Di lei si ricordano due apparizioni a Palermo. Una doppia visita ufficiale. La prima nel 1980 per motivi “turistici”, la seconda – datata 1992 – è quella che tutti i palermitani ricordano di più, perché la Regina sbarcò a Palermo appena cinque giorni dopo la strage di Capaci, in una città in ginocchio e lacerata dal maxi attentato.

Della visita del 1980 si ricorda il saluto insieme al principe Filippo dal balcone del Palazzo dei Normanni. La sovrana visitò velocemente Palermo: la città attese per ore l’arrivo al porto dello yacht reale “Britannia”. Poi la Regina – a bordo di una Rolls Royce – attraversò il centro palermitano in mezzo a una folla in visibilio. Per lei e il principe Filippo la visita alla Cappella Palatina e anche un puntata al Duomo di Monreale.

Dodici anni dopo – sempre insieme al marito Filippo – il ritorno a Palermo. Era il 28 maggio 1992: alle 14,30 – con un seguito di 17 persone – l’atterraggio all’aereoporto Punta Raisi di Palermo. Poi alle 14,56 i reali inglesi si fermarono a Capaci nel luogo in cui cinque giorni prima vennero uccisi Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e tre agenti della loro scorta.

Lunghi momenti di silenzio davanti al cratere dell’esplosione, con l’autostrada completamente sventrata. Elisabetta e Filippo si inchinarono davanti alla corona di fiori. Un fuori programma durato meno di due minuti. La Regina si raccolse in preghiera e sussurrò: “Incredible”. Poi la ripartenza su una Lancia Thema diretta al porto. Dove ad attenderli non c’erano più i palermitani in festa, come nel 1980, ma una città ferita nella sua anima e ancora sotto choc.
 

 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *