Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Mondiale, splendido bis consecutivo per Alaphilippe!

Ai meno 20 km la stoccata vincente del francese, che a Lovanio ha ripetuto il trionfo di Imola 2020. Niente medaglie per gli azzurri

Julian Alaphilippe è di nuovo campione del mondo di ciclismo. A Lovanio, dopo 268,3 km di una gara spettacolare, il 29enne francese (corre per la Deceuninck-Quick Step) ha piazzato l’affondo decisivo a una ventina di chilometre dalla fine e nessuno è stato più capace di riprenderlo. Un bis consecutivo per Alaphilippe, dopo il trionfo di Imola 2020 è arrivato quello di Lovanio 2021 davanti a centinaia di migliaia di spettatori. L’Italia è stata autore di una buona prova, con Colbrelli, Nizzolo e Bagioli nel gruppetto buono ma non è riuscita a rispondere all’azione di Alaphilippe ed è rimasta senza medaglie nell’ultima Nazionale diretta da Davide Cassani. Sul podio con Alaphilippe sono saliti Van Baarle (Olanda) e Valgren (Danimarca).

LA GIORNATA – È stato un Mondiale molto aperto e spettacolare fin dall’inizio della giornata e l’Italia era stata un po’ fortunata a causa di una caduta fortuita che ha coinvolto Trentin e Ballerini. Dunque gli azzurri erano rimasti fuori da una fuga di una ventina di corridori (con Evenepoel, Asgreen e Cosnefroy) sulla quale si è sacrificato Trentin per chiudere. In tanti si sono ritirati, a testimonianza della durezza della giornata. Mentre a 44 km dalla fine era già chiaro che la vittoria sarebbe stata affare del gruppo che era davanti in quel momento e che comprendeva Colbrelli, Nizzolo e Bagioli. Oltre a loro, Alaphilippe, Madouas, Senechal, Evenepoel, Stuvyen, Van Aert, Mohoric, Pidcock, Van Baarle, Van der Poel, Valgren, Hoelgaard, Powless, Stybar.

LA STAGIONE – Il grande ciclismo continua a partire da martedì al Giro di Sicilia (4 tappe). Nel prossimo fine settimana l’attesissimo appuntamento con la Roubaix: sabato la prima delle donne, domenica di scena gli uomini.

L’ALBO D’ORO DEL MONDIALE (recente) – 2011 Cavendish (Gb), 2012 Gilbert (Bel), 2013 Rui Costa (Por), 2014 Kwiatkowski (Pol), 2015-2016-2017 Sagan (Slk), 2018 Valverde (Spa), 2019 Pedersen (Dan), 2020-2021 Alaphilippe (Fra)

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *