Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Milano, Violetta Caprotti truffata: diamante da 3,5 milioni di euro sostituito con un falso

di  Redazione Milano

Aveva portato la pietra dal rivenditore per farla pulire. I commercianti sostengono che il gioiello ricevuto in negozio fosse già un falso. Indagini in corso contro ignoti

Violetta Caprotti, figlia di Bernardo, lo storico fondatore dei supermercati Esselunga morto nel 2016, sarebbe stata vittima di un furto o di una truffa da 3 milioni e mezzo di euro, ovvero il valore del suo diamante originale sostituito con un falso. Un mistero su cui da mesi sta indagando la procura di Milano in seguito alla denuncia della donna, che venerdì 13 gennaio è stata sentita dai magistrati. L’inchiesta per arrivare a scoprire chi si è portato via la pietra preziosa, a quanto pare un regalo del padre. 

Stando alle ricostruzioni, Violetta Caprotti avrebbe portato il diamante, incastonato in un anello, dal rivenditore dove era stato acquistato per farlo pulire. I responsabili del negozio, però, l’avrebbero successivamente contattata per informarla che si trattava di un falso. L’indagine sarebbe nata proprio da un contenzioso tra Violetta Caprotti e il titolare dell’attività che, tuttavia, ha sempre sostenuto che quel diamante fosse arrivato in negozio già falso. Gli inquirenti stanno lavorando per capire quando il prezioso è stato sostituito con un «tarocco» e da chi. Il fascicolo risulta a carico di ignoti.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

13 gennaio 2023 ( modifica il 13 gennaio 2023 | 20:00)

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *