Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Migranti, Loujin morta di sete a quattro anni: era su un barcone da dieci giorni con la madre e la sorella…


Una bambina di quattro anni è morta di sete mentre si trovava su un barcone che dal Libano era partito alla volta dell’Europa. Era con la mamma e la sorellina di un anno. A dare la notizia è stata l’attivista Nawal Soufi, considerata un punto di riferimento della comunità siriana in Sicilia. “Loujin è morta a causa delle politiche europee!” Ha scritto su Facebook. “È morta tra le braccia della madre mentre diceva ‘mamma ho sete’. Non credo ci siano tante parole da dire”. Il barcone su cui viaggiava da dieci giorni, si legge su La Stampa, aveva infatti chiesto di essere soccorso alle autorità delle zone Sar (“Search and Rescue”) di Malta e della Grecia, ma nessun soccorso istituzionale ha risposto. È invece arrivato aiuto – prosegue la testata torinese – da una delle tante navi mercantili di passaggio, inviata dalle autorità greche. Per Loujin, però, era già tardi: all’arrivo dei soccorsi era già morta. Mira, la sorella minore, è stata invece ricoverata in ospedale. Si trova in gravi condizioni: ha ingerito troppa acqua di mare sperando così di dissetarsi.

Ce l’ho messa tutta, ma degli adulti molto cattivi hanno deciso di non mandarti i soccorsi”, ha chiuso il suo post Soufi. “Adesso so quasi per certo, che altri due adulti sono ancora dispersi, perché caduti in acqua durante le operazioni di soccorso…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Allarme Peppa Pig! Voglio rassicurare Mollicone: sono secoli che le donne crescono bimbi da sole

next

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *