Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Meteo: Weekend, insidioso ciclone verso l’Italia tra Sabato 19 e Domenica 20, possibili conseguenze pesanti

Previsioni meteo per il weekendPrevisioni meteo per il weekendSarà un insidioso ciclone in discesa dal Nord Europa a condizionare il tempo nel prossimo weekend.
Proprio tra Sabato 19 e Domenica 20 Novembre sono previste conseguenze pesanti su molte delle nostre regioni che rischiano di essere colpite non solo da piogge intense, ma pure da venti forti e attenzione perché è atteso il ritorno della neve a quote via via più basse.

E’ una vera e propria svolta quella che si sta per concretizzare a livello emisferico, dove una poderosa depressione sospinta da masse d’aria di origine polare-marittima provocherà verosimilmente un drastico peggioramento delle condizioni meteo. Le correnti fredde in ingresso dalla Porta del Rodano (Francia sudorientale) favoriranno la formazione di un Ciclone Mediterraneo in grado di scatenare precipitazioni intense, anche sotto forma di nubifragio e violente raffiche di vento.

Al momento le zone più a rischio, come conferma la cartina che vi proponiamo qui sotto e che si riferisce proprio a Sabato 19 Novembre saranno nizialmente il basso Lazio, la Campania e la Calabria (con il colore viola sono evidenziate le zone dove si prevedono accumuli fino a 70 mm in 24 ore, ovvero 70 litri di pioggia per metro quadrato).
Il pericolo più grosso con questo tipo di ingressi perturbati riguarda la possibile stazionarietà dei fenomeni temporaleschi che potrebbero insistere molte ore/giorni sempre sulle stesse regioni, provocando anche delle alluvioni lampo.Precipitazioni previste per la giornata di Sabato 19 NovembrePrecipitazioni previste per la giornata di Sabato 19 Novembre
Tanta pioggia è attesa inoltre in Sicilia e Sardegna dove irromperanno pure burrascose raffiche di Maestrale ad oltre 60/70 km/h. Il peggioramento si estenderà poi rapidamente al resto dell’Italia: insomma, si prevede una giornata autunnale a tutti gli effetti, come non si vedeva da tanto tempo.

Il fronte perturbato, oltre che di una pesante ondata di maltempo, è destinato ad essere responsabile anche di un drastico calo termico con le temperature che si porteranno sotto le medie climatiche di riferimento, soprattutto al Centro-Nord. Questo favorirà il ritorno della neve fin sotto i 1000 metri di quota sulle Alpi, ed intorno ai 1300/1500 sull’Appenino centro-settentrionale: un’ottima notizia in vista dell’imminente stagione sciistica e anche se pensiamo al grave problema della siccità che sta attanagliando l’Italia da mesi.

Domenica 20 il ciclone si muoverà velocemente verso Sud-Est, liberando dal maltempo il Nord e le regioni centrali tirreniche dove tornerà a splendere il sole, sia pure in un contesto decisamente più freddo.
Il tempo continuerà ad essere piuttosto instabile al Sud ed in Sicilia dove oltre alle piogge soffieranno anche forti venti di Maestrale.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *