Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Meteo: DICEMBRE, Avvio GELIDO, poi Proiezioni SORPRENDENTI per NATALE. La Tendenza è stata appena Aggiornata

Ultime novità per DicembreUltime novità per DicembreDicembre, avvio gelido! La novità più importante, appena arrivata, riguarda l’inizio del prossimo mese che potrebbe riservarci condizioni meteorologiche fredde e nevose fino a bassissima quota. E le soprese non finiscono qui, anzi, le proiezioni fino a Natale sono a dir poco sorprendenti.

La causa va ricercata nel comportamento del Vortice Polare, in grado di innescare ondate di gelo in discesa dall’Artico già con l’inizio di dicembre. Cerchiamo dunque di capire meglio di cosa si tratta, facendo chiarezza su quello che, a tutti gli effetti, si configura come un aggiornamento…da brividi.

Nel corso della stagione autunnale, alle alte latitudini, oltre il Circolo Polare Artico, si forma una possente struttura ciclonica che prende il nome di Vortice Polare. Possiamo immaginarla come una vasta area di bassa pressione che poi perdura per tutto l’Inverno e che spesso ne influenza le sorti. All’interno è racchiuso tutto il freddo che si produce continuamente sulla calotta artica e che trova il suo sfogo attraverso i centri depressionari diretti verso Sud e quindi fin sull’Italia. Questi centri di bassa pressione sono i responsabili di fasi di intenso maltempo e di drastici cali delle temperature. Il comportamento del Vortice Polare, tuttavia, non è sempre uguale.

Per esempio, se è forte e compatto il freddo rimane confinato al Polo Nord, ragion per cui sull’Italia c’è da aspettarsi un tempo stabile con alte pressioni e aria più mite. Se invece il Vortice va in crisi, gli effetti possono essere più o meno intensi. Talvolta può letteralmente dividersi in due o più parti, muovendosi con il suo carico correnti gelide ed instabili verso Sud. Quando si spacca/indebolisce la probabilità che il freddo raggiunga anche la nostra Penisola crescono notevolmente. Tale configurazione è stata all’origine delle più intense ondate di gelo che hanno investito l’intera Europa (Italia compresa) nel 1929, 1963, 1985, 1996, 2012 solo per citarne alcune.
La causa di questa spaccatura va ricercata nell’afflusso di aria decisamente più calda in alta atmosfera, in termine tecnico stratwarming.

AVVIO DI DICEMBRE: il Centro Europeo (mappa in basso) ha appena confermato per le prossime settimane un afflusso di aria “più calda” nella stratosfera (tra i 15 e i 30 km d’altezza) con valori fino a +15°C rispetto alle medie specie tra la Siberia Nord-orientale e l’Alaska.
Si tratta di un evento abbastanza anomalo in questo periodo dellanno e di fatto potrebbe destabilizzare fin da subito il Vortice Polare, con conseguenze anche sul comparto europeo. Ed è questa infatti la tendenza sul medio e lungo termine che, già con l’inizio di dicembre, prefigura masse d’aria gelida in discesa dall’Artico pronte a sferrare il loro attacco verso l’Europa, provocando quindi anche sull’Italia, specie regioni del Centro Nord, un arrivo precoce del freddo e della neve a bassa quota.
Ecco il motivo per cui potrebbe materializzarsi sorprese nevose ben prima di Natale, un po’ come quello che è accaduto lo scorso anno, quando le nevicate raggiunsero molte zone della Pianura Padana, imbiancando le città di Torino, Milano, Padova, Venezia e Bologna. Le prospettive poi nelle successive settimane sono per un’alternanza tra fasi di alta pressione interrotte da bruschi blitz polari con il ritorno del maltempo.
Insomma, non è escluso che possa ripetersi quanto già avvenuto nel 2020, con ben due nevicate fino in pianura nel mese di dicembre. Vi terremo aggiornati.

Massa d'aria fredda in discesa dal Polo Nord già in avvio di DicembreMassa d’aria fredda in discesa dal Polo Nord già in avvio di DicembreAnomalo riscaldamento in sede stratosferica del Vortice PolareAnomalo riscaldamento in sede stratosferica del Vortice Polare

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *