Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Mamma svenuta nella vasca da bagno dopo le botte del marito, i figli chiamano i carabinieri e la salvano

Quando hanno visto la loro mamma riversa nella vasca da bagno e priva di sensi dopo l’ennesima aggressione subita da parte del padre, hanno deciso che non potevano sopportare oltre la violenza di quell’uomo e hanno chiamato i carabinieri. È così che un bambino di 13 anni e la sorella di 18 anni hanno messo la parola fine all’incubo nel quale erano costretti a vivere.

Ossessionato dalla ex: la spiava con binocolo e gps. Fermato mentre provava a farle aprire la porta di casa

Avvocato uccide di botte la ex moglie davanti ai figli: «Voleva toglierle i bambini»

È quanto accaduto in un’abitazione di Portici, in provincia di Napoli, abitata da una famigla di ucraini giunti in Italia nel 2016. A chiedere aiuto ai carabinieri, dopo l’ennesima lite culminata in aggressione, sono stati i figli della coppia,  anche loro vittime della furia del padre. L’uomo aveva messo la moglie nella vasca da bagno dopo che aveva perso i sensi, nel tentativo di rianimarla con l’acqua. 

L’uomo, che ha 43 anni, è stato bloccato e denunciato per maltrattamenti. Nei suoi confronti è stato emesso un provvedimento di allontamento dall’abitazione di famiglia e nei suoi confronti è stato emesso un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese. Sia la donna, una 39enne, che i suoi figli, anche loro ucraini e giunti in Italia nel 2016, sono stati costretti a ricorrere alle cure mediche del 118, intervenuto su richiesta dei militari. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Settembre 2022, 11:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *