Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Maltempo Italia: neve e forte vento. A Milano piano d’emergenza, disagi sulle autostrade

Roma, 28 dicembre 2020 – Dopo una breve tregua dal maltempo, che ha caratterizzato i giorni di Natale e Santo Stefano, oggi gelo, neve, vento forte e temporali stanno interessando molte regioni d’Italia. Milano, Torino e Genova si sono svegliate sotto la neve e diverse difficoltà si stanno registrando sulle autostrade, sopratutto tra Liguria e Piemonte. Rischio valanghe in Valle d’Aosta e pericolo mareggiate in Sardegna. Allerta arancione in Emilia Romagna e Puglia; gialla in Abruzzo, Friuli, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Toscana e Umbria. Sono stati bloccati i traghetti per l’Elba e Capraia. Rinviato per neve e nebbia il SuperG di Bormio.

Maltempo, crolla albero sulla superstrada Firenze-Siena. Traffico bloccato

Stando ai primi fatti di cronaca, un uomo si è sentito male mentre spalava la neve a Milano ed è andato in arresto cardiocircolatorio: è stato salvato da un’immediata rianimazione cardiopolmonare e portato in codice rosso all’ospedale Fatebenefratelli. Sempre nel capoluogo lombardo, una donna è rimasta ferita a causa del crollo di un palo che l’ha travolta per strada: secondo le prime informazioni del 118, la donna ha riportato un trauma cranico, ma sarebbe cosciente e, sempre secondo i soccorritori, non in pericolo di vita.




false

 L’annunciata neve è oggi arrivata in Lombardia, anche in pianura, a Milano e in quasi tutte le province lombarde. Nel capoluogo oltre 20 centimetri di neve ricoprono tetti e strade. E’ scattato già da ieri il piano d’emergenza previsto dal Comune, con mezzi spargisale attivati e la limitazione del servizio ferroviario su tutte le linee. Nelle località alpine e prealpine è possibile che gli accumuli possano raggiungere anche i cinquanta centimetri. Primi disagi e incidenti sulle strade imbiancate nella Bergamasca, a Bonate e a Pumenengo, dove una persona è rimasta ferita.

Piemonte

 Nevica dalla scorsa notte su quasi tutto il Piemonte e anche Torino si è svegliata imbiancata. Le precipitazioni più intense si registrano in particolare sull’alessandrino dove nelle ultime 12 ore Arpa Piemonte hanno misurato tra i 12 e i 16 cm di neve, con punte di 30 cm sull’Appennino al confine con il savonese. Nel cuneese 13 cm sono caduti a Priero e circa 10 cm a Cuneo città, 7 cm sulle pianure del vercellese e 3-4 cm sulle pianure del torinese  Da metà mattinata è previsto un progressivo miglioramento a partire dai settori occidentali ed entro metà giornata le nevicate sono attese in esaurimento un po’ ovunque, anche se nella seconda parte della giornata sono previste ancora deboli nevicate sparse limitate alle vallate alpine. I venti sulle cime alpine soprattutto del cuneese e del torinese, invece, sono previsti forti o molto forti fino a domani pomeriggio.

news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *