Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Lo sport Usa si ferma per Blake: dopo l’Nba, i giocatori boicottano baseball, calcio e tennis

Lo sport americano non resta in silenzio dopo che a Kenosha, in Wisconsin, un poliziotto ha sparato diversi colpi di pistola alla schiena dell’afroamericano Jacob Blake, lasciandolo paralizzato. Il primo passo l’ha fatto l’Nba, con i Milwaukee Bucks che alle 22 di ieri non si sono presentati in campo per la gara-5 contro Orlando Magic. Poi il boicottaggio si è esteso a macchia di leopardo: nelle ultime ore sono state posticipate tre partite della Major League Baseball e cinque sfide della Major League Soccer, perché i giocatori si sono rifiutati di scendere in campo in segno di solidarietà con la protesta antirazzista esplosa in Usa. Non sono da meno gli sport individuali. La campionessa giapponese di tennis Naomi Osaka ha annunciato che non intende disputare la semifinale dei Western & Southern Open Usa. “Prima di essere una atleta, sono una donna afroamericana“, ha twittato. L’associazione tennis Usa ha quindi concordato di fermare tutti gli incontri di oggi. Plausi da Obama: “Ci vorranno tutte le nostre istituzioni per lottare per i nostri valori“.

Diciassettenne arrestato con l’accusa di omicidio dopo la notte di scontri a Kenosha (Wisconsin) in cui sono morte due persone

Leggi Anche

Diciassettenne arrestato con l’accusa di omicidio dopo la notte di scontri a Kenosha (Wisconsin) in cui sono morte due persone

Nel frattempo va avanti l’inchiesta per accertare le dinamiche dell’accaduto. Le autorità del Wisconsin hanno annunciato in conferenza stampa di aver identificato il poliziotto che ha sparato i sette colpi alla schiena di Blake, ferendolo gravemente. Si tratta di Rusten Sheskey, un agente con sette anni di servizio al dipartimento di polizia di Kenosha. È stato lui, secondo la ricostruzione dell’attorney general del Wisconsin, ad aver usato la pistola mentre teneva il 29enne afroamericano per la camicia dopo che i suoi colleghi avevano usato il taser senza successo e il giovane stava entrando nella sua auto. In base a quanto si apprende, Blake aveva ammesso agli agenti di essere in possesso di un coltello. Per ora, ha concluso il procuratore, non è prevista alcuna accusa nei confronti dei poliziotti coinvolti.

Stati Uniti, le urla e gli spari in strada durante la proteste di Wisconsin per il caso Blake: un morto e tre feriti

Vedi Anche

Stati Uniti, le urla e gli spari in strada durante la proteste di Wisconsin per il caso Blake: un morto e tre feriti

Una decisione che ora rischia di scatenare una nuova ondata di proteste, riesplose nei giorni scorsi negli Usa a tre mesi dalla morte di George Floyd. A Kenosha due manifestanti antirazzisti del movimento Black Lives Matter sono rimasti uccisi negli scontri. La polizia ha arrestato un 17enne con l’accusa di omicidio volontario. Si tratta di Kyle Rittenhouse, un ragazzo con la passione per le forze dell’ordine, tanto che sembrava considerare se stesso un membro della polizia. Lo scrive il Guardian esaminando una serie di post sui social. Un account Facebook col suo nome, non più accessibile, contiene foto del giovane che posa con un apparente fucile d’assalto. Il testo a corredo dell’immagine contiene lo slogan pro polizia “blue live matter”. In una pagina appartenente ad una donna di mezza età che identifica Kyle come suo figlio, i due posano insieme e il ragazzo indossa una divisa in stile polizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Articolo Precedente Usa 2020, la notte di Mike Pence: “Biden cavallo di troia della sinistra radicale”. Bagno di folla senza mascherine per lui e Trump next Articolo Successivo L’uragano Laura è arrivato in Louisiana, onde di 6 metri e venti a 240 chilometri orari: più violento di Katrina. Una tempesta letale next

Fonte: ilfattoquotidiano.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *