Viva Italia

Informazione libera e indipendente

“Lo sport rischia di andare in crisi”, l’allarme di Malagò e Ghirelli

“Se non si trova una soluzione lo sport va in crisi” ha detto Giovanni Malagò, n.1 del Coni, preoccupato perché il mondo della politica in questi anni gli ha creato non pochi problemi. Ha ricordato anche l’odissea della Legge delega, con il nodo del lavoro sportivo ancora da sciogliere: i rapporti con Spadafora prima e con la Vezzali adesso, non sono mai stati buoni. Ora si aspetta di capire cosa vorrà fare il nuovo governo con lo sport, a volte messo in un angolo.

Ma prima va trovata una soluzione perché la crisi energetica rischia di mettere in ginocchio tutto lo sport, dalle piscine alle palestre, passando per i campi di calcio. Giovedì 15 a Palazzo H prima Giunta e primo Consiglio nazionale dopo le vacanze estive: di sicuro, molti presidenti di Federazione parleranno di questa emergenza (Gravina lo ha già fatto). Il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, dirigente di lungo corso, ha lanciato l’allarme: “

Il costo dell’energia per i club di serie C rischia di produrre danni pesanti e di fare svanire le politiche di contenimento dei costi. Noi siamo il calcio del territorio, il calcio sociale. Il premier Draghi sa che siamo altresì un settore produttivo. Occorre intervenire subito”. Ghirelli si augura che il calcio possa usufruire, già nei prossimi giorni, del decreto di imposta che sarà ampliato “per lenire i costi dell’energia e del gas che sono esplosi”. “Il calcio, lo sport- spiega ancora Ghirelli-deve essere equiparato ai comparti del settore industriale”, come successo durante la pandemia. Anche Paolo Barelli è estremamente preoccupato per le piscine che rischiano di chiudere, come successo già in Francia: ma il numero 1 della Fin, e deputato di Forza Italia confida nel fatto che lo staff di Draghi si sta muovendo. Aspettare il prossimo governo, sarebbe estremamente pericoloso.

Gp di Monza, su Sky e Tv8 quasi 5 milioni di spettatori
Anche gli ascolti hanno esaltato una domenica storica per lo sport italiano su Sky con il GP d’Italia di Formula 1 a Monza, la finale del Mondiale maschile di volley vinta dall’Italia e il Campionato Europeo maschile di basket con gli azzurri protagonisti. Il Gran Premio d’Italia di Formula 1, live su Sky Sport F1, Sky Sport Uno e Sky Sport 4K è stato visto da 1 milione 406 mila spettatori medi, con l’11,7% di share e 2 milioni 234 mila spettatori unici, mentre su TV8 la gara ha raccolto 3 milioni 375 mila spettatori medi con il 28,2% di share e 5,792 milioni spettatori unici. Nel complesso, su Sky e TV8, il Gran Premio del Centenario dell’Autodromo Nazionale di Monza (la Rai ha perso i diritti anni fa…) è stato visto da 4 milioni 781 mila spettatori medi con il 39,9% di share. In evidenza anche la finale del Mondiale maschile di volley Italia-Polonia, che ha laureato Campioni del Mondo gli Azzurri di De Giorgi, live dalle 21 su Sky Sport Uno, vista da 465 mila spettatori medi, con il 2,8% di share e 1 milione 297 mila spettatori unici, mentre l’incontro degli ottavi di finale del Campionato Europeo maschile di basket Italia-Serbia, vinto dagli azzurri di Gianmarco Pozzecco e live dalle 18 su Sky Sport Uno, ha raccolto davanti alla tv 257 mila spettatori medi (2,4% di share e 878 mila spettatori unici).

Europei di pattinaggio corsa all’Aquila, successo azzurro
Una spettacolare maratona ha chiuso i Campionati Europei di Pattinaggio Corsa 2022 dell’Aquila: 164 gli atleti partecipanti, divisi in due gare differenti, riservate agli uomini e alle donne, con le categorie junior e senior a contendersi le medaglie nella stessa prova. Le due 42 km andate in scena sul percorso cittadino di viale Corrado IV hanno regalato emozioni ai tanti spettatori presenti, grazie ad un livello della competizione altissimo. Allo start i più forti interpreti della disciplina, pluricampioni nazionali, europei e mondiali. Nessun titolo per i colori azzurri nella giornata conclusiva, che ha visto la squadra transalpina portare a casa tre medaglie, tra le quali spicca l’oro di Martin Ferrie nella prova maschile. Sul gradino più alto del podio, nella gara femminile, a sorpresa sale l’olandese Lianne Van Loon. Il medagliere finale dei Campionati, dopo le 6 giornate di gare che hanno assegnato i titoli continentali per le prove Pista, Strada e per la Maratona, premia la nostra Nazionale che con 25 ori domina la scena europea. Per gli azzurri sono 11 le medaglie d’argento e 14 quelle di bronzo, per un bottino finale che di 50 medaglie complessive.

Alice Volpi ambasciatrice del Trofeo Coni
Alice Volpi sarà l’ambasciatrice del Trofeo Coni 2022, in programma dal 29 settembre al 2 ottobre nella Valdichiana Senese. La plurimedagliata del fioretto che quest’anno ha conquistato l’oro mondiale a squadre al Cairo e l’oro europeo a squadre e il bronzo individuale ad Antalya, porterà un po’ dello ‘spirito olimpico’ nella più grande manifestazione sportiva italiana under 14, organizzata in questa settima edizione dal Coni Toscana, in partnership con la Regione Toscana e l’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese. Alla fase finale del Trofeo prenderanno parte oltre 3100 gli atleti nella fascia di età di 10-14 anni che, assieme a più di 800 tecnici e accompagnatori, arriveranno in Toscana in rappresentanza di 23 delegazioni (compresi quelle delle comunità italiane di Canada e Svizzera) pronti a misurarsi in 41 discipline di 35 Federazioni Sportive Nazionali e 6 Discipline Sportive Associate. Per la prima volta nella storia della manifestazione – che torna quest’anno dopo lo stop dovuto alla pandemia – la piattaforma OTT del Coni coprirà, infatti, con due canali dedicati, tutte le fasi salienti, a partire dalla cerimonia di apertura.

Fonte: repubblica.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *