Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Lo sport non si ferma, lo conferma anche Roger Federer da un tetto di Finale Ligure

«C’è Federer sul nostro terrazzo che gioca a tennis con noi. Nonna, quello forte!». Carola e Vittoria non avrebbero mai pensato nella loro vita di dire una frase del genere e invece è tutto vero. Ci sono le immagini a dimostrarlo. Barilla, sponsor di Roger Federer, ha portato il campione svizzero su un tetto di Finale Ligure che ha fatto il giro del mondo qualche mese fa.

Durante i mesi in cui non si poteva uscire di casa, Carola e Vittoria, giovani tenniste dello stesso club di Finale Ligure, si sono allenate in un modo davvero originale: abitano in due palazzi vicini e hanno palleggiato da un tetto all’altro.

Il video dei loro palleggi è stato visto milioni di volte ed è stato raccontato da decine di giornali.

L’ha ritwittato anche l’Associazione dei tennisti professionisti e gli stessi giocatori lo hanno visto. Sono ovviamente motivi di sponsor che hanno portato il campione svizzero in Liguria, ma il risultato è un inno allo sport più che una pubblicità. Lo racconta il backstage delle riprese con l’eccitazione e la sorpresa delle ragazze capaci di inventarsi un posto dove giocare anche quando lo sport di tutto il mondo era fermo.

È proprio questa capacità dello sport di non fermarsi mai la filosofia dello spot Nike che in appena 24 ore è stato visto 20 milioni di volte. In uno schermo diviso a metà ci sono grandi campioni e persone comuni, sport differenti che si trasformano e finiscono uno nell’altro. Ci sono anche Carola e Vittoria insieme a Bebe Vio, alle sorelle Williams e a decine di altri.

«Non siamo mai soli», recita il video, «questa è la nostra forza. Facciamo tutto come fossimo una persona sola. Se non ci prendono sul serio, dimostriamo il contrario. Se lo sport non va bene per noi, lo cambiamo. Troviamo sempre la via e abbiamo la responsabilità di rendere il mondo migliore».

LEGGI ANCHE

Roger Federer: il ritiro? Sì, il momento si avvicina

LEGGI ANCHE

Cristiano Ronaldo e l’infanzia umile: «Topi in casa e letti sui mattoni»

Fonte: vanityfair.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *