Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Lo sport e la depressione: Naomi Osaka, Serena Williams, Phelps, Buffon e gli altri. Parlarne fa bene

All’alba dell’estate 2021 Naomi Osaka, 23 anni, avvisa che al Roland Garros non parteciperà alle conferenze stampa post gara perché tengono in «scarsa considerazione verso la salute mentale dei giocatori». Multata per via del regolamento, lunedì 31 maggio ha annunciato il ritiro dal torneo e una pausa di riflessione parlando esplicitamente di «lunghi attacchi di depressione dagli Us Open del 2018 ed è stata dura gestirli», raccontando anche di soffrire «momenti d’ansia prima di parlare con i media. Divento davvero nervosa e trovo stressante provare sempre a fornire le risposte migliori». Diventa solo l’ultima tra gli atleti a parlare del «male di vivere», una malattia che non colpisce solo gli sportivi ma circa quattro milioni di italiani e, ovviamente, molte più persone nel mondo. La pandemia ha ulteriormente complicato le cose.
Prima di lei diversi «idoli» di ogni sport sono stati colpiti dalla depressione e in maggioranza si tratta di donne, perché il sesso femminile ha un rischio doppio di sviluppare la patologia, e la diffusione è in continua crescita anche per colpa della crisi economica: negli ultimi dieci anni la salute mentale è peggiorata soprattutto fra i giovani con meno di 34 anni e gli adulti fra i 45 e i 55 anni, che fanno i conti con le difficoltà sul posto di lavoro e nella gestione della famiglia. L’Organizzazione mondiale della sanità ha lanciato recentemente l’allarme perché nel 2030 sarà la malattia più diffusa del mondo, una patologia che annienta le energie al punto da poter diventare invalidante e che nel 3% dei casi impedisce anche il lavoro. La depressione comporta costi personali e sociali elevatissimi, ecco perché la Società Italiana di Psichiatria ha pubblicato un documento in cui stila le regole per combatterla, pensate per pazienti e familiari ma anche per i medici.

31 maggio 2021 | 22:25

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: corriere.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *