Viva Italia

Informazione libera e indipendente

“L’Euro 7 sarà il killer delle auto utilitarie”

Secondo Thomas Schäfer, Ceo del marchio Volkswagen, la nuova normativa sulle emissioni è una “delusione”. E il rischio di crescita dei listini è concreto

Gianluigi Giannetti

L’auto elettrica resta l’obiettivo, la scelta giusta ed emozionante, destinata però a convivere con una sbagliata e deludente, la nuova normativa anti inquinamento Euro 7 per i motori a combustione, in vigore dal 2025 e che porterà una tutela dell’ambiente molto inferiore alle attese. Thomas Schäfer, Ceo del marchio Volkswagen sceglie di incontrare la stampa in occasione del Consumer Electronic Show 2023 di Las Vegas che ha visto il debutto della nuova ID.7, berlina elettrica globale destinata ad arrivare in Europa, in Cina e negli States entro fine anno, con un orizzonte di 700 Km di autonomia. Volkswagen marcia speditamente verso l’obiettivo di 10 nuove auto ad emissioni zero entro il 2026, ma Thomas Schäfer è anche un ingegnere meccanico abituato a valutare lo scenario, che in Europa è contraddittorio: “Sono molto deluso dalla proposta della Commissione europea sulla nuova normativa Euro7, poteva essere una grande occasione per contribuire alla decarbonizzazione nella razionalizzazione delle emissioni, ma rischia di andare totalmente sprecata e, anzi, creare danni inattesi”. 

L’Euro 7 è stato giudicato inizialmente molto “soft”, per mantenere in vendita anche vetture di piccola taglia con motore rivolte al grandissimo pubblico. Non è cosi? 

“È un peccato dal mio punto di vista perché la richiesta iniziale formulata dalle aziende automobilistiche era nettamente più forte, cioè andare molto oltre nella riduzione delle emissioni, con limiti più stringenti agli agenti inquinanti di ogni tipo. La proposta presentata dalla Commissione riesce invece ad essere meno efficace e contemporaneamente con obiettivi tecnici molto complicati da raggiungere per una azienda costruttrice, tutto questo in tempi rapidi che si conciliano poco con un modo organizzato dei programmare il lavoro dei tecnici e delle fabbriche”.

Un esempio? 

“La Commissione potrebbe riservarsi di cambiare i cicli di omologazione delle vetture ogni anno, in modo unilaterale. Invece, l’auto ha bisogno di stabilità e programmazione, con le nuove norme si rischia l’esatto contrario, a danno dei clienti. È un fatto che le auto saranno significativamente più costose a causa dell’Euro 7. Non solo un fatto di omologazione dei propulsori, ma anche per effetto delle nuove imposizioni sulla riduzione dell’inquinamento da parte delle pastiglie dei freni, o i nuovi standard sulla sicurezza informatica del veicolo. Un pacchetto che ha un costo meglio ammortizzabile nelle vetture di maggiori dimensioni, ma che sarà il killer delle utilitarie con motorizzazione tradizionale”. 

L’auto per il grande pubblico cambierà strada?

“Stiamo lavorando con grandissima attenzione al progetto Small Bev, la nuova generazione di piccole elettriche che arriverà con il marchio Volkswagen, ma anche Skoda e Cupra. Tre linee in parallelo, un programma che ho molto a cuore in quanto responsabile del Brand Group Volume. Le vedremo a partire dal 2025, un appuntamento confermato nonostante l’aumento dei costi delle materie prime e le complicazioni internazionali, perché qui l’elettrica entrerà nel pieno del mercato. Il nostro sforzo è quello di arrivare ad un prezzo di partenza di 25.000 euro, puntando con decisione a scendere ancora”. 

Volkswagen sta cambiano marcia?

“Certo! E stiamo facendo il nostro lavoro con maggiore efficienza. Da alcuni mesi abbiamo messo mano ad un programma di razionalizzazione che riguarda il software, che come sapere è l’anima vera delle vetture elettriche per la gestione dell’energia a bordo, del funzionamento del motore fino ai servizi di aggiornamento. L’ulteriore sviluppo della nostra piattaforma di successo Meb, che diventerà Meb+, con più autonomia, ricarica più rapida e prestazioni migliorate è il risultato di queste riflessioni”.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *