Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Le ville dei Casamonica abbattute, l’audio di Di Maio a Lozzi: “Hai fatto una cosa storica di cui altri si sono presi il merito”

Redazione 28 settembre 2021 09:17

Le villette dei Casamonica abbattute infiammano la campagna elettorale. L’eterna narrazione di Virginia Raggi, che rivendica il merito di aver demolito le villette del Quadraro, viene abbattuta dalla presidente del VII municipio Monica Lozzi che anche in campagna elettorale ribadisce quanto da tempo racconta con tanto di prove: a buttare giù le case dei Casamonica non è stata la sindaca Raggi, ma il VII municipio. Stavolta lo fa tirando fuori un audio, quello con cui Luigi Di Maio la ringrazia.

“Vi racconto perché non è merito della sindaca l’abbattimento delle villette dei Casamonica”

L’audio è stato mandato in onda durante un’ospitata della leader di rEvoluzione Civica a Radio Radio. Lozzi racconta: “Qualche mese dopo l’abbattimento mando un messaggio a Luigi Di Maio per manifestargli la mia vicinanza per il delicato momento politico che stava vivendo. Lui mi risponde e ribadisce il ringraziamento per un intervento da lui stesso definito storico. La cosa che fa più rabbia è che la Raggi non solo è una sindaca che racconta bugia ma è anche considerata tra i quattro big”. 

Nell’audio si sente Di Maio dire alla Lozzi: “Grazie anche a te. Stai facendo un grande lavoro anche tu. non so se ci sarà mai riconosciuto e soprattutto a te se ti sarà mai riconosciuto. Tu hai fatto una cosa storica di cui altri si sono purtroppo presi il merito”.  Dopo la pubblicazione del nostro articolo, il ministro Luigi Di Maio, attraverso il suo staff, ha voluto precisare che nell’audio il suo riferimento era a Matteo Salvini.

“Stai facendo un grande lavoro anche tu. Non so se ci sarà mai riconosciuto e soprattutto a te se ti sarà mai riconosciuto. Tu hai fatto una cosa storica di cui altri si sono purtroppo presi il merito”

Luigi Di Maio a Monica Lozzi in audio

La presidente del VII municipio, nonché candidata sindaca per REvoluzione civica, rincara la dose. “E’ assurdo che chi si spaccia per paladino della legalità non ha l’onestà di dire di chi sono i meriti. Nell’anno successivo all’abbattimento siamo stati lasciati soli, senza supporto da parte del comune. Nella fase che ha preceduto l’abbattimento, il Comune si è visto solo durante le commissioni, quando cioè era obbligato a farsi vedere. Nel resto dei casi ha latitato”. Lozzi racconta poi che per gli abbattimenti da parte dell’assessore al bilancio Lemmetti non sono stati riconosciuti 200.000 euro al municipio. “Abbiamo dovuto utilizzare fondi provenienti da altre voci”. 

Lozzi ne ha anche per Conte: “Il giorno dell’abbattimento, da presidente del consiglio, è venuto al Quadraro e mi ha ringraziato. Sa bene di chi è stato il merito e provo un po’ pena nel vederlo andare in giro con Raggi a supportare delle tesi inventate”. 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *