Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Le scadenze prima del voto del 25 settembre

Caricamento player

Il prossimo 25 settembre ci saranno le elezioni politiche, per la prima volta nella storia repubblicana nella seconda metà dell’anno. Il voto per rinnovare il parlamento necessita di una serie di adempimenti elettorali, dalla presentazione dei simboli e dei candidati alla costituzione degli uffici elettorali, tutti con scadenze precise a cui peraltro fanno riferimento le norme che regolano i tempi tecnici per indire nuove elezioni.

Secondo la Costituzione il voto deve avvenire non oltre 70 giorni dopo lo scioglimento delle camere. Inoltre, secondo due decreti del presidente della Repubblica, le liste dei candidati devono essere presentate almeno 45 giorni prima del voto, mentre le liste dei residenti all’estero con diritto di voto devono essere presentate al ministero degli Esteri almeno 60 giorni prima.

“Rosatellum”, la legge elettorale con cui si andrà a votare, prevede infatti collegi più grandi in cui si voterà con un sistema proporzionale, che assegna cioè alle liste i seggi in proporzione ai voti presi; e altri più piccoli con un sistema maggioritario, in cui vince il candidato o la candidata che prende anche solo un voto più degli altri.

Entro il 26 agosto verranno nominati i presidenti di seggio, mentre tra il 31 agosto e il 5 settembre verranno nominati gli scrutatori.

Il regolamento dell’AgCom, l’Autorità garante delle comunicazioni, stabilisce che i sondaggi non possano essere diffusi nei quindici giorni precedenti le elezioni, quindi in questo caso a partire dal 10 settembre.

– Leggi anche: Le coalizioni cominciano a spartirsi i collegi

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *