Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Le migliori pizzerie del mondo del 2022

Non uno ma due: I Masanielli di Francesco Martucci, a Caserta, e Una Pizza Napoletana di Anthony Mangieri, a New York, sono le migliori pizzerie del mondo. Sì due indirizzi, ex aequo, per la prima volta in cima alla 50 Top Pizza World, la classifica appena presentata a Napoli ormai diventata appuntamento fisso per fare il punto su cosa cuoce nei forni dei grandi artigiani dell’impasto, della cottura, e non solo, perché ormai i pizzaioli sono considerati veri innovatori della cucina.

E in effetti c’è un altro innovatore al terzo posto della classifica delle migliori pizzerie del mondo: Peppe Pizzeria di Giuseppe Cutraro, a Parigi. Sì, un altro nome noto per gli appassionati che seguono questa lista e amano la buona pizza. Così come Francesco Martucci, in cima alla 50 top World (oltre che alla 50 Top Italy) per 5 anni consecutivi, e Mangieri che si è guadagnato il primo posto nella 50 Top Usa 2022, Giuseppe Curaro si è appena guadagnato il podio come miglior pizzaiolo d’Europa nella 50 Top Pizza Europe.

La 50 Top Pizza Word è infatti il punto d’arrivo annuale di una serie di classifiche divise per Paesi e continenti – tutte interamente consultabili on line e gratuitamente su www.50toppizza.it) – e anche per questa resta la più attesa tra quelle ideate curate da Barbara Guerra, Albert Sapere e dal giornalista Luciano Pignataro, tutte compilate secondo un metodo consolidato, attraverso una rete di ispettori che visitano le pizzerie in anonimato e poi le recensiscono. È così che durante l’anno si seleziona il meglio e, insieme ad alcune novità, si tratta spesso di grandi certezze.

Come i nomi della top ten della lista: 50 Kalò e 10 Diego Vitagliano Pizzeria, a Napoli, rispettivamente quarto e quinto, sesto posto per I Tigli, a San Bonifacio, settima la pizzeria Francesco & Salvatore Salvo, a Napoli, ottavo posto per Seu Pizza illuminati, a Roma, nono posto per La Notizia 94, a Napoli, e chiude la top ten, Tony’s Pizza Napoletana, a San Francisco

Non solo Italia, infatti, nella 50 Top Word ci sono tutti i continenti.  Ecco la lista completa:

1         I Masanielli – Francesco Martucci – Caserta, Italia
1         Una Pizza Napoletana – New York, USA
3         Peppe Pizzeria – Parigi, Francia
4         50 Kalò – Napoli, Italia
5         10 Diego Vitagliano Pizzeria – Napoli, Italia
6         I Tigli – San Bonifacio, Italia 
7         Francesco & Salvatore Salvo – Napoli, Italia
8         Seu Pizza Illuminati – Roma, Italia
9         La Notizia 94 – Napoli, Italia
10       Tony’s Pizza Napoletana – San Francisco, USA
11       Ribalta NYC – New York, USA 
12       Fratelli Figurato – Madrid, Spagna
13       48h Pizza e Gnocchi Bar – Melbourne, Australia
14       Bottega – Pechino, Cina 
15       50 Kalò London – Londra, Inghilterra
16       The Pizza Bar on 38th – Tokyo, Giappone
17       180g Pizzeria Romana – Roma, Italia 
18       Dry Milano – Milano, Italia 
19       Cambia-Menti di Ciccio Vitiello – Caserta, Italia 
20       Bæst – Copenaghen, Danimarca 
21       Sartoria Panatieri – Barcellona, Spagna 
22       I Masanielli – Sasà Martucci – Caserta, Italia 
23       Pizzeria Peppe – Napoli sta’ ca” – Tokyo, Giappone 
24       Le Grotticelle – Caggiano, Italia 
25       Qvinto – Roma, Italia 
26       Pepe in Grani – Caiazzo, Italia 
27       Razza Pizza Artigianale – Jersey City, USA 
28       0′ Munaciello – Miami, USA 
29       Carlo Sammarco Pizzeria 2.0 – Frattamaggiore, Italia 
30       Spacca Napoli Pizzeria – Chicago, USA 
31       Song’ E Napule – New York, USA 
32       Via Toledo Enopizzeria – Vienna, Austria 
33       ‘O Scugnizzo – Arezzo, Italia 
34       Pizza Zulù – Fürth, Germania 
35       La Piola Pizza – Bruxelles, Belgio 
36       La Leggenda Pizzeria – Miami, USA 
37       Pizzana – Los Angeles, USA 
38       Crosta – Milano, Italia 
39       Kesté Fulton – New York, USA 
40       Pupillo Pura Pizza – Frosinone, Italia 
41       Apogeo – Pietrasanta, Italia 
42       La Cascina dei Sapori – Rezzato, Italia 
43       Peppina – Bangkok, Tailandia 
44       Patrick Ricci – Terra, Grani, Esplorazioni – San Mauro Torinese, Italia
45       Pizza Massilia – Bangkok, Tailandia 
46       Pizzeria Panetteria Bosco – Tempio Pausania, Italia 
47       400 Gradi – Lecce, Italia 
48       Denis – Milano, Italia 
49       Pizzeria Da Lioniello – Succivo, Italia 
50       Ti Amo – Buenos Aires, Argentina

Oltre a questi, anche quest’anno sono stati assegnati i premi speciali. Eccoli:
 
-Giuseppe Cutraro, di Peppe Pizzeria a Parigi, è il Pizza Maker of the Year – Ferrarelle Award;
-Ciro Salvo di 50 Kalò, a Napoli e a Londra, si aggiudica Performance of the Year – Goeldin Award, per essere l’unico ad avere due pizzerie presenti in classifica;
-Tony Gemignani, di Tony’s Pizza Napoletana a San Francisco, si aggiudica Source of Inspiration – Latteria Sorrentina Award;
-Alla pizzeria I Tigli, di Simone Padoan a San Bonifacio, va il Consistent Quality – Robo Award;
-Fratelli Figurato, a Madrid, si aggiudica Made in Italy – Pastificio Di Martino Award;
-48h Pizza e Gnocchi Bar, a Melbourne, si aggiudica il Best Wine Advocate – Prosecco DOC Award; 
-The Pizza Bar on 38th, di Tokyo, conquista il Best Customer Welcome 2022 – Solania Award;
Sartoria Panatieri, a Barcellona, si aggiudica il Best Format 2022 – Birrificio Fratelli Perrella Award; 
-A Ti Amo, Buenos Aires, va One to Watch – Mammafiore Award;
-What the Crust, al Cairo, si aggiudica il Pioneer in Field Award 2022.

Leggi anche:
La classifica delle migliori pizzerie d’Italia 2022

Fonte: gqitalia.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *