Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Lazio, Immobile ha riacceso i motori: Torino tra le sue vittime preferite

ROMA – Non è al meglio, Ciro Immobile. Lo ha confessato nel dopo partita contro la Fiorentina, in cui ha ritrovato il gol su rigore e la Lazio ha ripreso a vincere. Ma a testa bassa non molla, sa che giocando riacquisterà la forma migliore. Ha appena accesso i motori, davanti ci sono ancora 10 gare da giocare. È vivo il sogno scudetto, ma non solo. Gli obiettivi del bomber biancoceleste sono anche personali.

Ciro piglia tutto

Ricapitolando un po’ di numeri. Con il rigore alla Fiorentina, Immobile ha siglato il 28esimo gol in Serie A. Cristiano Ronaldo è sotto di 5 a quota 23. In Italia nessuno è al suo ritmo, in Europa invece, un certo Robert Lewandowski è tornato a giocare prima segnando una valanga di gol. Per la Scarpa d’Oro, il polacco, che ora è già in vacanza, ha messo insieme 34 reti. L’attaccante della Lazio ha 6 gol di differenza, dovrà impegnarsi al massimo per conquistare lo scettro di goleador europeo, che già virtualmente aveva in mano prima del lockdown. 

Con il Torino match fondamentale

Immobile fin qui ha segnato 28 gol in 28 partite di campionato, il terzo giocatore che ci è riuscito dopo Angelillo (31 in 27 nel 1958-1959) e Nordahl (28 in 28 nel 1949-1950). Nel mirino c’è il record di reti segnate in un solo campionato che detiene Gonzalo Higuain: 36. Il Pipita, nella stagione 2015-2016 al Napoli, dopo 28 giornate era a quota 26. Ciro è avanti di due. Contro il Torino la possibilità di allungare ancora. La sua ex squadra è tra le vittime preferite: in 11 incontri, 8 reti. All’andata fu doppietta all’Olimpico nel 4-0 finale. Immobile vuole tutto, davanti ci sono finali da non perdere per tenere vivi tutti i traguardi. La fame e la voglia faranno la differenza.

Serie A, fermato per 1 turno Simone Inzaghi

Fonte: corrieredellosport.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *