Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Lavora a contatto con l’amianto, operaio muore a soli 49 anni

E’ morto a quasi 30 anni dal tempo in cui lavorava in quella fabbrica: per lungo tempo, ancora giovanissimo, era in forze all’ormai celeberrima Belleli di Mantova, faceva il carpentiere e saldatore. E ora, appena 49enne, è morto con una diagnosi di mesotelioma, ovvero il tumore raro che per il 90% è causato dall’esposizione all’amianto. “Poiché intercorrono di solito alcuni decenni tra l’esposizione all’amianto e l’eventuale insorgenza del mesotelioma – fa sapere l’Airc – ci si attende che il numero di diagnosi continuerà a salire nei prossimi anni, per raggiungere il picco tra la seconda e la terza decade degli anni Duemila”.

Il caso della Belleli di Mantova

Per legge si tratta di una malattia da esposizione professionale: di amianto si continua a morire, il killer silenzioso continua a mietere vittime, anche a decenni di distanza. Il caso della Belleli è noto anche a livello giudiziario: i proprietari vennero processati per omicidio colposo – ma fu condannato solo Rodolfo Belleli – a seguito della morte degli operai Giovanni Turazza, Fiorenzo Morotti, Francesco Danieli, Adelelmo Marastoni e Ezio Contesini, dipendenti dell’azienda di metalmeccanica e deceduti tra il 1997 e il 2002 per mesotelioma peritoneale e pleurico.

Amianto: la denuncia dei sindacati

Al di là del caso Belleli, nella sola provincia di Mantova ci sono più di 500 lavoratori iscritti nel registro degli “esposti” ed “ex esposti” all’amianto. E su cui incombe, anche a decenni di distanza, il rischio di una diagnosi (spesso infausta) di mesotelioma. “Per queste persone – ha dichiarato alla Gazzetta di Mantova Mauro Mantovanelli della Cgil – la sorveglianza sanitaria dovrebbe essere rafforzata, e invece siamo fermi allo stesso punto. Le visite procedono con il contagocce: trovo assurdo che non sia data priorità a questi lavoratori a rischio, visto che di amianto si continua a morire e si moltiplica anche il numero delle malattie professionali”.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *