Viva Italia

Informazione libera e indipendente

L’auto mette radici – Strade e Motori | Radio 24

Nuove tecnologie per aumentare la sostenibilità e la sicurezza delle nostre vetture: è questa l’esigenza sempre crescente del settore automotive.

Un’esigenza diventata ancora più centrale in questa delicata fase di emergenza sanitaria che ha spinto gli italiani a preferire l’auto privata rispetto agli altri strumenti di mobilità.

Lo conferma Alessandro De Martino, AD di Continental Italia, anche alla luce dell’ultimo Osservatorio sulla Sicurezza Stradale elaborato proprio dall’azienda di Hannover. La paura del contagio, insorta a seguito della pandemia, ha contribuito a modificare il comportamento e la mentalità dei cittadini, che, avvicinandosi all’auto, hanno iniziato a pretendere da essa ancora più garanzie in termini di affidabilità, connettività, sicurezza e sostenibilità ambientale.

La sostenibilità ambientale è un cavallo di battaglia anche di Mazda, come dimostrato dal recente lancio della prima 100% elettrica, la MX 30, e, in Italia, dalla partnership con il Parco Regionale dell’Appia Antica per un progetto di piantumazione di querce da sughero.

Un progetto, raccontato da Roberto Pietrantonio, AD di Marzda Italia, e Mario Tozzi, Presidente del Parco Regionale dell’Appia Antica, che prevede la piantumazione di 78 querce nell’area dell’autostrada più antica del mondo, 1 a simboleggiare Mazda Italia nel suo centesimo anniversario e 77 a rappresentare i concessionari del marchio giapponese sul territorio italiano.
Il sughero, che ritorna anche negli interni dell’elettrica della casa di Hiroshima, già acquistata in prevendita da molti italiani, è un carattere distintivo della storia di Mazda, brand che nasceva nel 1920 come produttore di sughero e che trova nel 2020 l’anno cruciale di una mission sempre più votata alla sostenibilità.

Fonte: radio24.ilsole24ore.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *