Viva Italia

Informazione libera e indipendente

L’Alfasud Ti Bimotore 4×4 finisce all’asta a Parigi

Ideata da un’intuizione del geniale Gianfranco Mantovani, la vettura presenta due motori a bordo. Avrà puntati addosso gli occhi di molti appassionati pronti a farsi avanti

Oggi, a Parigi, molti occhi saranno puntati sull’asta organizzata da RM Sotheby’s. Spicca, infatti, un gioiello davvero unico: l’Alfa Romeo Alfasud Ti Bimotore. La macchina è una creatura figlia del genio di Gianfranco “Wainer” Mantovani, protagonista di pagine importanti della storia del marchio di Arese. Questa vettura è speciale anche a causa della sua nascita, avvenuta in maniera davvero particolare.

INTUIZIONE

—  

Infatti, nel 1974, lo stesso Mantovani decise di riprendere il progetto dell’Alfasud Ti 1200 dello stesso anno prima inserendo alcune modifiche. La più sostanziale differenza riguardò l’inserimento di due motori, uno anteriore e uno posteriore, con lo scopo di garantire la stessa potenza motrice a tutte e quattro le ruote. Questa soluzione permise, infatti, di far passare un’auto di serie dalla trazione anteriore a quella integrale. Per realizzare questo progetto, Mantovani rimosse i sedili posteriori e ricavò lo spazio per inserire un motore boxer 4 cilindri da 79 Cv. Per evitare il surriscaldamento del secondo propulsore, sulle fiancate furono posti due radiatori con elettroventilatore. Questo motore si può avviare con un pulsante posto tra i sedili anteriori.

PREZZI FOLLI

—  

Il gioiello dalla livrea rossa farà gola a molti appassionati durante l’asta. La storia rende l’Alfasud Ti Bimotore unica, ma anche la velocità estrema di questo bolide è un ulteriore elemento che gioca a suo favore. Infatti il modello è capace di raggiungere al massimo i 215 km/h, passando da 0 a 100 km/h in 8,2 secondi. Di fronte a simili dettagli è lecito attendersi cifre davvero folli per accaparrarsi l’Alfa. Nella scheda di presentazione non c’è un prezzo di partenza e nemmeno una stima del valore: gara all’ultimo rilancio per aggiudicarsela.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *