Viva Italia

Informazione libera e indipendente

La staffetta scalda i motori. Mujinga: ‘Mi sento migliore’

La staffetta scalda i motori. Mujinga: ‘Mi sento migliore’ | laRegione

laRegione

SPORT

Risultati e classifiche

Tokyo 2020

Il sorriso di Masomah. ‘Ultima come 82 milioni di rifugiati’

La storia di una ragazza che mai aveva corso una cronometro, fuggita da un Paese ‘dove c’è gente che pensa che solo gli uomini dovrebbero andare in bici’

Caso Hamilton-Verstappen, la Fia respinge il ricorso

Nessuna nuova sanzione al pilota britannico della Mercedes per l’episodio di Silverstone. ‘Nessun elemento nuovo, significativo e rilevante’

Michelle Gisin forfait a Olivone, ma 1° Agosto confermato

La 27enne di Engelberg è alle prese con una mononucleosi. In Val di Blenio ci sarà comunque la sorella Dominique; programma dei festeggiamenti invariato.

Siro Gentilini e Gian Vetterli protagonisti al Comunale

Ottime prestazioni al meeting serale di Bellinzona: in evidenza gli atleti del Gab sui 1’500 m e dell’Us Ascona nel disco, e gli italiani Grendene e Cavalli

François Beauchemin ai Rockets. Ma non è l’ex stella Nhl

Nuovo straniero a Biasca: il venticinquenne attaccante québecois ha firmato per una stagione. Landry: ‘È un buon giocatore, usa il fisico e ha un ottimo tiro’

Tokyo 2020

Quindicesimo posto per Giulia Steingruber: ‘Ho dato tutto’

Nel concorso multiplo la sangallese ha brillato solo al volteggio. Buono l’esercizio al suolo, anonimi gli altri esercizi. Titolo all’americana Sunisa Lee

Tokyo 2020

Djokovic-Zverev finale anticipata

L’altra semifinale mette di fronte domani Pablo Carreño Busta (Atp 12) e Karen Kachanov (Atp 25). Tutta croata la finale di doppio

Gallery

Tokyo 2020

Belinda Bencic e Viktorija Golubic in finale di doppio

Giornata da due medaglie per la sangallese, in finale anche in singolare. Oro o argento, domenica, anche per la zurighese

Tokyo 2020

29.07.2021 – 19:00

Aggiornamento : 19:33

Del Ponte, Kambundji e Kora nella notte inaugurano la loro avventura ai Giochi, dove la delegazione rossocrociata aspetta però con trepidazione la staffetta

Mentre a Tokyo si accendono i riflettori su uno degli sport più attesi, quella dell’atletica, con la valmaggese Ajla Del Ponte, la bernese Mujinga Kambundji e la sangallese Salomé Kora che entrano in lizza stanotte nelle eliminatorie dei 100 al femminili (quando saranno le 5 passate, in Svizzera), ci s’interroga sul potenziale della staffetta, senz’altro la miglior carta che la delegazione rossocrociata possa giocare della disciplina. In teoria, la 4 x 100 elvetica – che avrà una settimana di tempo per prepararsi a quello che sarà il suo momento – rischia davvero di essere più veloce che mai, siccome Ajla, Mujinga e Salomé non sono mai andate tanto forte. E pure la quarta ragazza iscritta, un’altra sangallese, Riccarda Dietsche, sta dimostrando bei progressi. Tuttavia, per conoscere lo stato di forma delle protagoniste più attese bisogna aspettare questo weekend, con Del Ponte, Kambundji e Kora che a livello individuale puntano tutte almeno ad arrivare in semifinale, sabato. Ciò che appare chiaro, comunque, è che per arrivare in finale bisognerà scendere sotto gli undici secondi, cosa a cui guardando alla tabella dei tempi, grazie al suo 10”95 di personale sui 100, che risale al luglio di tre anni fa, apparentemente solo la recordwoman nazionale sembrerebbe poter ambire. «Io ho la sensazione di essere migliore rispetto alle passate stagioni» dice dal Giappone la ventinovenne Kambundji, che in carriera è già riuscita a salire una volta sul podio ai Campionati del mondo, era 2019, però nei 200 m, dove si mise al collo la medaglia di bronzo.

Ajla e il muro degli undici secondi

Tuttavia, la nostra Ajla Del Ponte non vuole certamente essere da meno. Anzi, pensando a ciò che l’attende nel weekend, la ticinese dice che «finale o no, sarò contenta se scenderò sotto gli undici secondi». Lei che solo un mese fa ai campionati nazionali di Langenthal era riuscita a staccare il nuovo personale, fermando i cronometri sull’11”07. A dimostrazione che la forma c’è, dopo una preparazione primaverile ritardata anche dall’infezione dal Covid, in cui la ragazza dell’Us Ascona ha fatto la spola tra il Ticino, Macolin e Papendal, in Olanda, dove è basato il suo allenatore, il friborghese Laurent Meuwly, e la città di Losanna in cui abitualmente risiede, e dove frequenta l’università. 

Dal canto suo, Salomé Kora un mese e mezzo fa aveva battuto Ajla a Ginevra, realizzando nell’occasione quello che è il suo miglior tempo in assoluto sulla distanza. E l’11”12, dopo tutti quei mesi trascorsi in Serbia, alla corte del cinquantenne tecnico Goran Obradovic, potrebbe essere il miglior viatico per lasciarsi definitivamente alle spalle il problema al ginocchio che l’aveva afflitta due anni or sono.

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved

Fonte: laregione.ch

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *