Viva Italia

Informazione libera e indipendente

La Roma e gli altri: le iniziative dello sport contro la violenza sulle donne

La AS Roma si ripete e si rinnova. Dopo l’iniziativa Amami e basta, lo scorso anno le mogli e le compagne dei calciatori realizzarono un calendario in difesa delle donne, quest’anno scende in campo con un’altra iniziativa: 1-5-2-2 #SaveTheTactic. 1522, è il numero antiviolenza e stalking.

Il Club ha deciso di destinare il 50% dell’incasso di Roma-Zorya, gara di Conference League che si giocherà il 25 novembre, alla fondazione Roma Cares, impegnata a realizzare percorsi formativi per le donne vittime di violenza. Calciatrici e calciatori, inoltre, indosseranno una maglia con una patch dedicata alla campagna. Le maglie indossate andranno poi all’asta, il cui ricavato verrà devoluto anch’esso a Roma Cares.

La Fondazione giallorossa anche quest’anno si avvarrà del prezioso aiuto di ManpowerGroup e della sua Fondazione Human Age Institute, con la quale continuerà il lavoro di sostegno alle donne con il duplice obiettivo di valorizzare le potenzialità personali e di portare avanti una formazione professionale in linea con le scelte lavorative maturate. La campagna è sostenuta dalla Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti.

Tutta la Serie scende in campo contro la violenza con We World: l’iniziativa è #unrossocontrolaviolenza. Venerdì, sabato e domenica la Serie A TIM dà un cartellino rosso alla violenza. Come gli altri anni giocatori, arbitri e staff avranno un segno rosso sul viso. I capitani di tutte le squadre indosseranno la fascia simbolo della giornata. 

Sui social le foto dei calciatori insieme alle loro compagne, mogli, figlie che, come altri testimonial dichiareranno il proprio impegno pubblicando una foto con il segno rosso sul viso con l’hashtag #unrossoallaviolenza. Ci sono Bernardo Corradi, Alessandro Del Piero, Elisa Di Francisca, Marco Materazzi e Marta Pagnini. La madrina dell’edizione 2021 di #unrossoallaviolenza è la modella e influencer Alice Campello.

Anche la Nazionale italiana di rugby, impegnata a Parma contro l‘Uruguay nel terzo e ultimo appuntamento delle Autumn Nations Series, ha scelto di dimostrare il proprio impegno per la causa. I giocatori, infatti, sono scesi in campo con un nastro rosso, il simbolo della giornata.

Fonte: vanityfair.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *