Viva Italia

Informazione libera e indipendente

La minaccia choc dell’islamico: “Vi dico quando la donna va accoltellata”

Il caso Saman Abbas continua a tenere banco nel dibattito pubblico italiano. Si è trattato di femminicidio o alla base vi è stata una chiara motivazione religiosa e culturale? Del caso si è occupato Massimo Giletti, che nel corso dell’ultima puntata di Non è l’arena su La7 ha mandato in onda un servizio della sua troupe per sentire il pensiero di alcuni componenti della comunità islamica in relazione a quanto avvenuto alla 18enne pachistana che si è opposta a un matrimonio combinato in patria dal padre e dalla madre. Il contenuto della clip ha assunto pieghe agghiaccianti, con tanto di minacce a quelle donne che dovessero rifiutare di sottostare a un “apparentamento” forzato.

“Deve morire accoltellata”

A raccogliere alcune voci della comunità islamica è stato l’inviato Daniele Bonistalli, che ha ricevuto una risposta choc dopo aver formulato una domanda semplice: cosa potrebbe accadere se una donna dovesse rifiutare di indossare il velo e decidere di vestirsi come una persona normale? “Prendo un coltello e glielo metto qua perché deve morire. La ucciderei, devi prendere un coltello e fare così. Deve morire“, non ha esitato a dire l’islamico. A non nascondersi è stato anche un altro uomo, che ha sottolineato come allo stato attuale la famiglia sceglie i matrimoni nell’80% dei casi, mentre nel restante 20% si assiste a una decisione autonoma. “Questa è la tradizione della nostra cultura. L’uomo decide! La donna non può dire di non volersi sposare con qualcuno“, ha aggiunto un altro.

“Deve fare massaggi e cucinare”

Nel servizio di Non è l’arena è stato poi evidenziato che spesso nei paesini le donne non possono rifiutare e dunque vengono forzate a matrimoni combinati: “La ragazza se dice ‘no’ la minacciano. Poi capita che tante muoiono perché dicono di amare un’altra persona e allora si impiccano da sole“. Infine un altro islamico ha chiaramente detto che l’uomo deve avere il predominio sulle scelte e ha così parlato delle condizioni delle donne: “La moglie deve rispetto al marito, non deve dire di ‘no’. Lei deve fare lavori di casa. Farmi un massaggio? Sì. Devo mangiare? Mi deve cucinare subito“.

Infine ha ribadito che la donna non può in alcun modo rifiutare di sposare un uomo imposto dalla famiglia: “Non può farlo perché è una vergogna. È la legge, è vietato“. Così come non ha la libertà di scappare e di rivendicare il diritto di vivere all’europea: “Questo non è possibile. Per la legge del Corano questo è così: questa la devi prendere e deve morire col sangue, lapidata a terra“.

L’islamico zittito

In studio è inoltre andato in scena uno scontro tra Daniela Santanchè e l’imam Sami Salem, che ha tentato di difendere la comunità islamica in generale e di proteggere il mondo di cui è esponente. Peccato però che Salem sia stato prontamente zittito dalla senatrice di Fratelli d’Italia, che ha letto alcune interviste rilasciate (anche di recente) dall’imam stesso: “Diceva che se una donna musulmana vuole sposare un’italiana cattolica vuol dire che il padre non è riuscito nella sua educazione, che ha commesso degli errori. E invece ora a telecamere accese dice tutt’altro…“.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *