Viva Italia

Informazione libera e indipendente

La matricola Leeds fa soffrire il Liverpool. Salah (tripletta) salva i Reds: 4-3

Nel deserto di Anfield la squadra di Klopp batte quella Bielsa. Una gara avvincente e combattuta. In gol per i Reds anche Van Dijk, per i Whites inutili le reti di Harrison, Bamford e Klich

Dal nostro corrispondente Stefano Boldrini

Perdere 4-3 in casa del Liverpool campione d’Inghilterra per un rigore sciagurato regalato all’87’ fa sicuramente male al Leeds, ma la squadra di Marcelo Bielsa e dell’imprenditore italiano Andrea Radrizzani esce a testa altissima dalla sfida dell’Anfield. Nel giorno del ritorno in Premier dopo 16 anni tormentati, tra disastri finanziari e insuccessi sportivi, lo storico club dello Yorkshire dimostra di avere le carte in regola per vivere una stagione da protagonista: non si segnano per caso tre gol nello stadio dei Reds. Costringere Klopp a sudare fino all’ultimo, per incassare i primi tre punti in campionato, è uno dei meriti dei Whites. L’altro è stato quello di mostrare un calcio piacevole, coraggioso e propositivo. Il football alla Bielsa, sbarcato in Premier all’età di 65 anni e 53 giorni. La sua leggenda meritava il tappeto rosso del campionato più seguito, più ricco e più combattuto del mondo.

Salah tris

—  

Tra il Leeds e la gloria, Salah. L’egiziano è il protagonista del match: apre e chiude su rigore, firma una rete da favola, si toglie la soddisfazione di segnare per la quarta stagione di fila nella giornata inaugurale. È il primo calciatore Reds a centrare l’impresa. L’1-0 arriva al 4’: fallo di mano del difensore tedesco Koch, rigore, Salah non sbaglia. Il Leeds è entrato in campo con la testa giusta e al 12’ pareggia dopo una splendida azione. Il portiere Meslier serve Phillips e il centrocampista lancia Harrison: il ragazzo cresciuto tra Inghilterra e Usa salta Alexander-Arnold con eleganza, manda in tilt Gomez e infila Alisson. Applausi.

Partita show

—  

I Reds tornano avanti al 20’ con una capocciata di Van Dijk sul corner di Robertson, ma il Leeds si rimette subito in piedi. Al 30’ è 2-2: errore di Van Dijk sul servizio di Harrison e Banford non perdona. Social impazziti, diluvio di elogi per Bielsa, ma Salah riporta tutti alla realtà al 33’, quando controlla di destro il pallone respinto da Struijk e di sinistro fulmina Meslier all’incrocio.

Epilogo

—  

Si riparte e il ritmo è meno forsennato. Klopp intuisce i problemi del centrocampo e piazza il primo cambio: fuori Keita, dentro Fabinho. A ruota, altra sostituzione: Jones al posto di Henderson. Il Leeds trova il 3-3 con un gioiello di Klich al 66’: il polacco, servito da Helder Costa, impallina Alisson con una stoccata. I Reds si lanciano all’assalto: Oliver annulla il 4-3 di Van Dijk per un fallo di Jones e l’olandese si arrabbia. Nel finale, la fesseria di Rodrigo: intervento scomposto su Fabinho, rigore solare. Salah non si lascia impressionare dalle manfrine di Miesler: 4-3 per i Reds, ma il Leeds merita titoli ed elogi.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *