Viva Italia

Informazione libera e indipendente

‘La Gazzetta dello Sport’ rilancia sul caso di positività allo Stelvio: nessuno testato prima degli allenamenti

Il caso di positività al test sierologico per un tecnico della nazionale azzurra (si parla in seno alla formazione femminile di slalom) continua a far discutere, dopo la notizia che ha portato tutti i componenti delle squadre a non potersi muovere dall’Hotel Livrio, quartier generale per il mese di allenamento degli atleti azzurri allo Stelvio.

I nuovi tamponi effettuati questa mattina dall’ATS di Bolzano seguono quelli messi in atto dall’ATS di Sondrio, con il rischio quarantena (i gruppi femminili di Coppa del Mondo avrebbero concluso martedì 30 gli allenamenti) che rimane concreto, proprio perchè bisognerà capire chi deciderà sulla questione trovandosi l’Hotel Livrio, che ospita tutti i componenti azzurri, in territorio altoatesino. La certezza è che almeno oggi e domani non ci sarà sci in pista per la nazionale e, come rilancia “La Gazzetta dello Sport” sul proprio sito, nessuno sarebbe stato testato prima di cominciare gli allenamenti sul ghiacciaio (partiti ufficialmente il 2 giugno).

Solo chi ha mostrato sintomi si è sottoposto a tampone: come sottolinea la “rosea”, una differenza sostanziale rispetto alla federazione austriaca, che aveva effettuato test su atleti, tecnici e skiman prima di ogni training camp, trovando tra l’altro positivo (da asintomatico) un giovane velocista del quale non è stato indicato il nome.

Fonte: neveitalia.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *