Viva Italia

Informazione libera e indipendente

La Città di Natale accende i motori: show, banchi, mappa. Due sole le camere libere

Arezzo, 20 novembre 2021 – Se Ferdinando III fosse rimasto dov’era sempre stato, nel cuore di piazza Grande, oggi perfino la sua statua avrebbe dovuto indossare la mascherina. Invece è in cima a Piaggia del Murello e almeno dalla mappa allegata ai divieti sembrerebbe il primo sbocco al quale poter respirare a pieni polmoni. Ma da oggi il cerchio si stringe: tutti in mascherina anche all’aperto dentro le mura. In un’area compresa tra i bastioni di Santo Spirito, porta San Lorentino, porta San Clemente e porta Trento e Trieste.

Tutti in maschera davanti alla folla che sale da mezza Italia per tagliare il traguardo della Città di Natale. L’evento, interamente guidato dalla Fondazione Intour, è il primo appuntamento in Italia verso le feste. E ci sono aspetti che lo potrebbero rendere unico: dall’Alto Adige rimbalzano forti dubbi sulla conferma dei mercatini di Trento e di Bolzano. E qui il mercato tirolese, organizzato dalla Confcommercio, invece apre i battenti, un villaggio di 32 casine di legno, nel cuore di piazza Grande. Ieri pomeriggio la prova generale, tutte accese per vederne di nascosto l’effetto.

lanazione.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *